Home Enogastronomia L'”ora felice”… è tutta torinese!

L'”ora felice”… è tutta torinese!

7
SHARE

Quando un’usanza è così radicata nella propria cultura, come quella dell’aperitivo torinese, è difficile parlarne. E’ come svestirsi e cercare di descrivere i propri abiti. Sono anni che noi giovani torinesi ci nutriamo di Happy Hour, l’ora felice, perché con 6 – 7 Euro tutti i bar e locali Torinesi
ti offrono la cena a buffet.

Ed è un’usanza che non troverete in nessuna parte di Italia.

Non esagero dicendo che si può cenare stando con gli amici o negli innumerevoli dehors della città.

Seduti alparco nelle serate estive (Fluido, Imbarchino), nelle piazze più belle e grandi (La Drogheria, Il Lab, Caffè Elena), nei bar più storici (Caffè Roberto, L’Obelix), nei vari circoli con terrazze sul Po (Esperia), in quei bar più alternativi di San Salvario (Biberon, Diwan), o quelli più raffinati del Quadrilatero (Il Pastis). O ancora, in quelli più chic di piazza San Carlo (Caffè San Carlo), o in quelli più periferici che trovi sotto casa nei quartieri più residenziali come in Via Cavalli, dove si possono trovare aperitivi a base di pesce.Lungo corso Francia (Acqua Marina), In Vanchiglia (Margò) dove si sono specializzati in verdure e insalate.

 

 

 

Dopo una decina di anni la tendenza è anche quella di proporre da parte dei locali sempre di più cibi, che non siano le solite pizzette olive ascolane, che
ormai non fanno più tendenza. Ma piatti vegani, pinzimonio di verdure crude, insalate di farro.

pastis

Insomma, a Torino c’è un’ampia scelta di locali, per tutti i gusti e tutte le tasche. Agli amanti dell’aperitivo torinesi non resta quindi che cercare quelli che più si addicono ai loro gusti.

Buona primavera e buon happyhour a tutti!

Valeria Saracco

 

 

 

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here