Home Innovazione CoderDojo, potere ai bambini!

CoderDojo, potere ai bambini!

3
SHARE
http://coderdojo.com/
http://coderdojo.com/

Un CoderDojo è innanzitutto una palestra della mente, un luogo fisico che aiuta a creare mondi virtuali. Non spaventatevi, non stiamo parlando dell’avvento di Matrix. Forse stiamo parlando di chi Matrix potrebbe davvero inventarlo!

I bambini di oggi sono bombardati di stimoli informatici ed elettronici e, spesso a nostra insaputa, apprendono velocemente concetti che a noi richiederebbero mesi. L’evoluzione tecnologica e la conseguente rivoluzione sociale che ne deriva stanno abbassando drasticamente l’età in cui un bambino entra non solo in contatto con gli strumenti di ultima generazione, ma riesce addirittura a padroneggiarne i meccanismi e le regole.

Da qui nasce la voglia dei più piccini di creare qualcosa adatto al loro mondo, un’esigenza non urlata dalla tv o da internet, ma una necessità sempre più impellente sussurrata a genitori impreparati.

Ecco allora che in questo contesto sembra quasi naturale la nascita dei CoderDojo, un progetto internazionale che offre le basi della programmazione informatica per i giovanissimi.

Nato in Irlanda nel 2011 il fenomeno si è esteso a macchia d’olio agli Stati Uniti, al Giappone e a mezza Europa (Regno Unito in primis), fino ad arrivare anche in Italia nell’ultimo anno.

 

CoderDojo Torino
CoderDojo Torino

In ognuno degli ormai 130 CoderDojo sparsi nel mondo i volontari che lo gestiscono, tutti appassionati o professionisti del settore, insegnano i rudimenti dell’informatica a bambini e ragazzi dai 4 ai 17 anni. Si creano piccoli siti, app e mini giochi, si fa merenda insieme e tutto nel rispetto di una sola regola: Be cool!

L’idea è che usare il codice sia cool, il bullismo, le bugie e far perdere tempo alla gente invece sono assolutamente da sfigati.

I bambini imparano e si divertono. James Whelton, il fondatore irlandese, divenne famoso per essere riuscito ad hackerare il suo iPod nano, ma alcuni degli alunni della prima ondata hanno già creato applicazioni come Pizzabot, che ha superato in vendite mostri sacri come Angry Birds e Call of Duty, o come Libramatic, un sistema basato sulla tecnologia cloud per l’automazione dei sistemi bibliotecari.

E vi ricordo che stiamo parlando di bambini!

CoderDojo Torino
CoderDojo Torino

 

In Italia per ora esistono CoderDojo a Milano, Firenze, Catania e prossimamente in Sardegna. Torino, la capitale della tecnologia, non può certo rimanere indietro. Se volete darvi da fare anche voi, basta andare sul sito http://coderdojo.com/  e cliccare sul pulsante “Start a Dojo”. Servono solo uno spazio adatto, una data d’inizio e un paio di volontari che abbiano voglia di insegnare ai bambini il linguaggio di questo millennio per realizzare le loro migliori fantasie.

Marco Parella

Commenti