Home Cronaca di Torino Cinema: Torino ride… Roma un po’ meno

Cinema: Torino ride… Roma un po’ meno

4
SHARE

Il prossimo Torino Film Festival è ancora là da venire, ma la macchina organizzativa è a tutti gli effetti partita. Lo scorso primo marzo si sono aperte le iscrizioni per concorrere: l’iscrizione è completamente gratuita e i partecipanti dovranno pagare solamente le spese di spedizione del materiale.

Per fare parte della selezione occorre compilare il modulo di iscrizione sul sito dell’organizzazione: torinofilmfest.org. Tempo per iscriversi ce n’è, ma è meglio non tergiversare: la scadenza è fissata nel giorno 13 settembre.

Torino_Film_Festival

L’edizione numero 31, le cui date ipotetiche sono 22/30 novembre 2013, verrà diretta nientemeno che da Paolo Virzì, che è stato nominato nel corso dell’Assemblea dei Soci Fondatori del Museo Nazionale del Cinema su consiglio del Presidente Ugo Nespolo e del Comitato di Gestione. Virzì avrebbe deciso di orientare la rassegna sul cinema della New Hollywood, e come grande novità potrebbe esserci il voto popolare.

Otto le sezioni della rassegna: Torino 31, dedicato a Lungometraggi e Documentari,

Festa mobile: sezione non competitiva in cui viene presentata la produzione più interessante dell’anno in corso,

Onde, dedicato alle opere più nuove e sperimentali del cinema mondiale, senza limite di durata, di formato e supporto, TFFdoc, una sezione dedicata al cinema documentario che comprende due concorsi distinti,  Italiana.corti, concorso per cortometraggi italiani, Spazio Torino, concorso regionale, oltre a omaggi, retrospettive e programmazioni speciali.

PAOLO VIRZI 5_219_L
Se Torino ride, altrettanto non può fare Roma, che vede in forte dubbio l’edizione del suo festival del Cinema, alle prese con debiti, calo di spettatori e soprattutto una mancanza di fondi sui quali l’organizzazione contava fortemente.

I circa 6 milioni e mezzo che dovevano arrivare dalle istituzioni, 3 milioni dal Comune, 2 milioni dalla Regione ed un milione e mezzo dalla Provincia, non sono mai arrivati, e pochi giorni fa il Cda della Fondazione che organizza non ha approvato né il bilancio consuntivo 2012 né il preventivo 2013.

Una situazione senza dubbio grave per Roma: potrebbe essere questo il primo anno senza le eterne polemiche che da anni divampano fra due dei tre (insieme a venezia) festival cinematografici più importanti d’Italia?

La Redazione di Mole 24

 

 

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here