Home Spettacoli Intervista a Lucia Russo, in arte L. Rousseau

Intervista a Lucia Russo, in arte L. Rousseau

18
SHARE
L.Rosseau Moda
L.Rosseau Moda

Lucia Russo, in arte L.Rousseau, classe 1987, è una persona vitale e decisamente caparbia.

Il motto della fashion designer torinese: “ Se non esiste , lo invento ” , dice già tutto.In lei è forte, infatti, la volontà di concretizzare le ispirazioni sperimentali, fresche e surreali.

Il suo intuito di fashion designer l’accompagna da sempre .Inizia la sua formazione come industrial designer presso il Politecnico di Torino , dove esplora le sfaccettature di un design tridimensionale, che evolve in fashion con il passaggio all’ Istituto Marangoni di Milano, dove si diploma a pieni voti nel 2010.

Crea il suo profilo professionale nel 2008 iniziando con uno stage presso la maison Aquilano Rimondi, e nel 2009 lavorando come backstage assistant per diversi brands del lusso.

Nell’ estate del 2010 , dopo aver conseguito il diploma in fashion design , realizza un progetto Menswear che le consente di conquistare la finale per il contest internazionale “ ROBERTO CAVALLI 40th ANNIVERSARY CONTEST” , vedendo i suoi lavori pubblicati presso il profilo facebook di ROBERTO CAVALLI GROUP,e nel settembre 2010 presentando al vastissimo pubblico della rete la sua creatività.

La sua intraprendenza la porta a far apprezzare le sue collezioni in Qatar e in Kazakistan, dove viene prodotta la sua prima capsule collection per un nascente brand kazako.

Conclusa la sua esperienza estera, si mette in gioco nell’estate 2011 con “MAX MARA FASHION GROUP IS LOOKING FOR YOUNG DESIGNERS”, contest per il quale propone una capsule di 10 outfits, selezionata tra i migliori progetti presso l’ Head-quarter di Max Mara per SportMax.

Nell’ottobre 2011 approda alla sesta Edizione di “NEXT GENERATION”, classificandosi tra i 25 semifinalisti. La sua capsule, ritenuta tra le migliori , le consente di esporre come nuovo designer emergente durante la fashion week F/W 12.13 a Palazzo Giureconsulti, e confermando il suo talento nel FASHION HUB promosso da CNMI nella fashion week S/S 13 e F/W 13.14.

Attualmente collabora alla direzione creativa di Maliparmi per la realizzazione della stagione SS14.

 

L.Rosseau Moda

 

 Come e quando è nata la tua passione per la moda?

Sinceramente potrei definire la mia passione per la moda come un’ indole innata, dentro di me da sempre, probabilmente anche nella mia vita precedente. Ricordo che fin da piccola passavo il tempo a fare lavoretti in stile “art attack”, a disegnare storie su principesse e ballerine concentrandomi sul loro look, a tagliuzzare fazzoletti e straccetti vari per le mie bambole, perchè non ero soddisfatta degli abitini che avevano in dotazione, a fare modifiche sui miei abiti o su quelli di mia mamma e mia nonna.

Ho sempre constatato che tutte le volte che mi immergevo in un pensiero di moda o in un processo creativo, il tempo passava velocemente, e mi sembrava che non fosse mai abbastanza; ancora oggi perdo la cognizione del mondo esterno, essendo in un mondo tutto mio. La mia grande determinazione ha fatto in modo che riuscissi a trasformare la mia passione più grande in un lavoro, un lavoro bellissimo , ma impegnativo, che richiede sacrifici come trasferimenti e weekend di full immersion nella collezione che si sta disegnando e nonostante tutto è un piacere farlo perchè si creano sogni per chi vuole comprare un sogno.

 

L.Rosseau Moda

 

Da cosa o da chi trai ispirazione per le tue collezioni?

Nelle mie collezioni i tre temi portanti sono il viaggio, la natura e l’aspetto geometrico del mondo. Questi tre aspetti descrivono la mia vita in pieno: viaggio molto per lavoro e per ricerca e soffro della sindrome di Stendhal rimanendo bloccata sui paesaggi o sui singoli elementi della natura che si incastrano nelle suggestioni che trasformo in progetti come i pezzi geometrici di Tetris. Nella mia vita ho ritrovato queste impressioni in Vasarely, padre dell’Optical Art. Potrei definire lui, il genio di Nicolas Ghesquiére e la voce di Dave Gahan dei Depeche Mode i mentori delle mie creazioni.

 

L.Rosseau Moda
L.Rosseau Moda

 

 Cosa vuoi trasmettere attraverso le tue creazioni?

Le mie creazioni vogliono trasmettere una visione che si lega a uno stile o a delle evoluzioni di stile nel tempo. Il lavoro del creativo di moda è pianificare il futuro e renderlo desiderabile per qualcun altro. L.ROUSSEAU vuole trasmettere la sensazione dei viaggi e dei continui spostamenti, del cambiamenti della natura e dell’interpretazione del paesaggio e dei pensieri astratti, proprio come faceva Kandinsky: entrava in una stanza buia e aveva una visione bellissima del mondo, riaccedendo le luci il mondo era banale e senza quei grandi spunti che aveva avuto sforzando il pensiero.

Nella maggior parte dei casi io fotografo con gli occhi un’immagine ed è quando li chiudo che inizia il processo creativo, perchè rielaboro le sensazioni che ho vissuto e che mi piacerebbe trasmettere al pubblico.

Potrei definire l’unione del viaggio alla natura,all’astrazione e al Tetris come una singolare addizione, ma questo è punto di partenza dei progetti finali.

 

L. Rousseau Moda
L. Rousseau Moda

 

 Cosa risponderesti a chi sostiene che la moda è superficiale?

La moda è un pensiero singolare, ognuno ha una sua percezione. C’è chi la considera arte applicata, chi un dono del cielo, chi ne farebbe a meno, ma è proprio chi ne farebbe a meno che risulta più addicted perchè anche coprendosi di stracci si fa moda. Forse è questo che risponderei a chi la considera superficiale.

 

 

L.Rosseau Moda

 

 L’emozione più grande che hai vissuto finora?

La prima grande emozione che ho provato è stata trovarmi davanti alla realizzazione materiale di una mia creazione, col tempo le emozioni sono cresciute vedendo pubblicazioni, persone che indossano la mia collezione o capi che ho disegnato per i marchi per cui ho lavorato e per cui lavoro.

L’esperienza del Fashion Hub, della presentazione MERCEDES BENZ in calendario e della collaborazione con la Camera Nazionale della Moda Italiana è sicuramente quella che mi tiene concretamente legata al mio sogno, sogno sta diventando sempre più realtà con l’invito alla Warsaw Fashion Week il 6 Aprile, per la presentazione in sfilata di L.ROUSSEAU SS13 Geometric Flower Garden, come ospite della nuova creatività italiana.

Sicuramente ai primi posti metto il fashion show CONNECT4CLIMATE + New Talents Camera Moda che ha sfilato durante Milano FashionWeek, il progetto dedicato alla salvaguardia dell’ambiente con la produzione di T-shirts disegnata dai nuovi talenti che Camera Moda sostiene.

 

Progetti futuri?

I miei progetti futuri prevedono la crescita della mia collezione e la presentazione ad un pubblico internazionale grazie al Fashion Hub, Camera Moda e l’imminente evento di Warsaw Fashion Week. Portare avanti al meglio le mie esperienze aziendali per crescere professionalmente ed emotivamente, continuare a viaggiare e divertirmi con gli amici.

 

Manuela Catanea

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here