Home Cronaca di Torino “Senza Alibi”: al Circolo dei Lettori i veri motivi della crisi

“Senza Alibi”: al Circolo dei Lettori i veri motivi della crisi

7
SHARE
Marco Simoni senza alibi perchè il Capitalismo italiano non cresce più
Marco Simoni senza alibi perchè il Capitalismo italiano non cresce più
Tempo di lettura: 2 minuti

Demolire gli alibi ed i falsi pregiudizi per comprendere quale sia la reale situazione del nostro sistema economico , capire e gli sbagli del passato, per quindi essere in grado di affrontare gli enigmi e le avversità del futuro.

Ieri sera, il Circolo dei Lettori, all’interno del ciclo d’incontri “Alfabeto economia: un libro al mese” organizzati in collaborazione con la Banca Regionale Europea, ha ospitato lo scrittore – politologo e docente alla London School of Economics – Marco Simoni che ha presentato la sua ultima fatica letteraria dal titolo”Senza Alibi: perchè il Capitalismo italiano non cresce più.

Un libro, quest’ultimo, pubblicato da Marsilio,( http://www.marsilioeditori.it/libri/scheda-libro/3171156/senza-alibi) che riesce a spiegare anche all’uomo comune, che con possiede nozioni finanziarie, che molti dei motivi che vengono addotti di essere le cause della difficile situazione economica in cui viviamo, non sono altro che fattori marginali, la cui risoluzione non cambierebbe la realtà.

Circolo dei lettori Torino

 

Sì, perchè come ha spiegato l’autore all’interessato pubblicato presente in sala – che ha posto non poche domande riuscendo a dar vita a fine serata ad un dinamico dibattito botta e risposta – i motivi che vengono accusati essere la causa di tutti i problemi, il più delle volte non altro che malcostumi o reati secondari.

Comportamenti criticabili o addirittura fraudolenti che in un periodo di recessione come l’attuale saltano di più all’occhio e smuovono maggiormente l’ opinione pubblica.

Correlato:  Pininfarina vicina la cessione all'indiana Mahindra?

I veri problemi che hanno portato l’Italia passare dall’essere una locomotiva dell’economia d’ Europea ad uno dei fanalini di coda, sono quindi da ricercare nella mancanza di una visione globale nella gestione del nostro Paese.

Per troppi decenni, infatti, si è affrontato singolarmente ed in maniera settoriale lo sviluppo economico nel Bel Paese, andando a proporre riforme che però riguardavano solo un determinato settore e la situazione a 360 gradi.

Insomma, Marco Simoni non ha proposto o predicato ricette magiche per uscire dalla crisi, ma è riuscito a far capire al folto pubblico del Circolo dei Lettori quali siano le reali cause della crisi e come nn se ne possa uscire a meno di cominciare a guardare l’economia come una realtà sfaccettata, ma unica, riuscendo così a pianificare riforme che non privilegino più il breve periodo a discapito del lungo.

 

Alessandro Maldera

 



Commenti

SHARE