Home Arte Da domani il fotografo Robert Capa a Palazzo Reale

Da domani il fotografo Robert Capa a Palazzo Reale

3
SHARE
Robert Capa Torino
Robert Capa Torino
Tempo di lettura: 1 minuto

Torino celebra Robert Capa, uno dei migliori e più celebri fotoreporter di guerra, con una retrospettiva a lui dedicata ed allestita a Palazzo Reale dal 15 marzo al 14 luglio.

Attraverso il suo obiettivo ha raccontato cinque guerre, le sue fotografie hanno immortalato e congelato, momenti drammatici ed eventi che hanno fatto la storia del secolo breve. Sempre in prima linea con la sua macchina fotografica Robert Capa ha ritratto la guerra da vicino, o per meglio dire, dall’interno. Come amava ripetere “Se le vostre foto non sono abbastanza buone, non siete abbastanza vicini”.

I suoi scatti hanno raccontato la morte, la sofferenza, la distruzione ma soprattutto il lato umano degli eventi bellici, catturato magari negli occhi della popolazione, dei civili, dei bambini. Le sue immagini hanno fatto il giro del mondo, sono comparse sulle più importanti riviste e sono entrate, di diritto, nell’immaginario collettivo del Novecento. Ne sono un esempio le foto scattate durante lo sbarco in Normandia (se ne salvarono soltanto 10 sul totale dei rullini scattati da Capa).

La sua attività di fotoreporter inizia durante la guerra civile spagnola, prosegue raccontando la resistenza dei cinesi all’invasione del Giappone nel 1938 prima di raccontare l’intervento alleato nella Seconda guerra mondiale. Nel 1948 racconterà anche il primo conflitto arabo-israeliano e quello francese in Indocina, nel 1954, dove troverà la morte. In azione, con la sua macchina fotografica al collo.

Correlato:  Operae: design autoprodotto alle OGR

Definirlo semplicemente come un fotoreporter di guerra sarebbe riduttivo e non racconterebbe del personaggio che una parte, per quanto rilevante. Nella sua pur breve carriera (è morto a soli 40 anni saltando su una mina antiuomo mentre raccontava la guerra francese in Indocina) ha ritratto anche personaggi famosi come Picasso, Hemingway, Matisse e Ingrid Bergman.

Nel centenario della sua nascita il Comune di Torino in collaborazione con la casa editrice Silvana Editoriale e l’agenzia Magnum Photos (di cui Capa fu uno dei fondatori) gli hanno voluto dedicare una mostra che raccoglie 97 fotografie in bianco e nero, suddivise in sezioni che raccontano le diverse fasi della sua carriera.

La mostra è visitabile dal martedì alla domenica, dalle 9.30 alle 18.30 (ultimo ingresso alle 18) a Palazzo Reale.

Alessandro Porro



Commenti

SHARE