Home Arte “Il Re e l’Architetto. Viaggio in una città perduta e ritrovata” a...

“Il Re e l’Architetto. Viaggio in una città perduta e ritrovata” a Torino dall’8 marzo al 30 aprile 2013.

10
SHARE
Il Re e l'Architetto. Viaggio in una città perduta e ritrovata Torino
Il Re e l'Architetto. Viaggio in una città perduta e ritrovata Torino
Tempo di lettura: 2 minuti

Dall’8 marzo scorso, fino al 30 aprile prossimo, è allestita una piccola ma suggestiva mostra presso l’Archivio di Stato di Torino, presso le sale Juvarriane di piazza Castello.

Vuole essere un viaggio virtuale nella Torino settecentesca, un percorso tra architetture private e pubbliche che hanno il fine di spiegare com’ è cresciuta e cambiata Torino per essere trasformata da città di provincia a Capitale di un regno, prima, e Capitale d’Italia, poi.

Ma tutto è partito ed è iniziato nel Settecento! (come si è già avuto modo di sottolineare qualche tempo fa (http://www.mole24.it/2012/05/08/torino-on-the-move-barocca).

Questa piccola esposizione si snoda sulle quattro sale al piano terra, dove si alternano progetti e testimonianze originali – custodite all’interno dell’Archivio e facenti parte di un corpus donato allo stesso dallo studio Studio Gritella e Associati, da cui la mostra prende spunto- , ricostruzioni tridimensionali dei palazzi e un importante quadro, rappresentante il ponte sul Po, del pittore e importante vedutista Bernardo Bellotto.

Vuole essere una vera visita alla città, con inizio da Porta Susa – anticamente detta Porta Susina e da dove entravano in città i visitatori del Grand Tour provenienti da Parigi – passando per la casa – studio di Juvarra, distrutta in epoca fascista, e proseguendo, attraverso stampe e rappresentazioni, per le varie costruzioni pubbliche, private e religiose.

Correlato:  La passione di Torino di Hans Memling

Voluta dall’Archivio di Stato, con il sostegno della Compagnia di San Paolo, del Consiglio Regionale del Piemonte, la Città di Torino, la Provincia di Torino, con il contributo della FondazioneCRT, della Camera di Commercio di Torino e della Alleanza Toro Assicurazioni, è una piccola mostra ma di alto valore culturale.

Non richiede molto tempo per essere visitata, è ad ingresso libero, e come tutte le attività culturali che si svolgono presso una delle sedi dell’Archivio di Stato di Torino – una, appunto , in piazza Castello e l’altra, ancor più affascinante anche solo per la struttura architettonica, è quella in via Piave all’interno del vecchio ospedale San Luigi – ha un grande pregio.

Si tratta di un modo per avvicinare il grande pubblico, o almeno ci si augura possa essere numeroso, verso un luogo visto spesso distante e noioso, più che un museo. e una tipologia di opere che, da molti, sono considerate di “serie B” dai non addetti ai lavori.

In realtà chiunque subisce il fascino di queste carte non appena vi entra in contatto e in fanno scaturire una grande curiosità.

Molto frequentato da studiosi di storia e storia dell’arte,di architettura e giurisprudenza, è possibile, in realtà, per tutti coloro che ne hanno voglia, sfogliare –sempre con molta attenzione – documenti originari, antichi e risalenti a molti secoli fa.

Correlato:  Torino, Paratissima si svolgerà nella caserma di via Asti dall'1 al 5 novembre

E vi assicuro che, anche se spesso incomprensibili per via dei caratteri con cui sono scritti, quei libri, quei documenti e quelle stampe hanno un fascino tutto particolare.

Un fascino che merita, almeno una volta nella vita, di essere visto.

Giulia Copersito

 

Per informazioni:
“Il Re e l’Architetto. Viaggio in una città perduta e ritrovata”.
Dall’8 marzo al 30 aprile 2013 
Archivio di Stato di Torino, sale Juvarriane
Piazza Castello 209, Torino
http://archiviodistatotorino.beniculturali.it/Site/index.php/news-eventi
Orario: dal martedì al venerdì 10-18; sabato e domenica 15-19
Ingresso libero

 



Commenti

SHARE