Home Spor-to Il G8 del calcio dà il bentornato alla Juve

Il G8 del calcio dà il bentornato alla Juve

3
SHARE

I tifosi della Juventus aspettavano questo momento addirittura da sei lunghissimi anni, sei lunghissime stagioni in cui i bianconeri sono rimasti fuori dal G8 d’Europa. Infatti l’ultima volta in cui la Juve è entrata nei quarti di finale di Champions League risale alla stagione 2005/2006 con Fabio Capello in panchina. La Juve – amaro ma giusto ricordarlo – giocò due brutte partite e uscì di scena contro l’Arsenal (2-0 al vecchio Highbury, 0-0 al Delle Alpi).

Poi tutti i fans della Vecchia Signora e non solo sanno esattamente cosa è successo… La farsa di Calciopoli, la fine del meraviglioso ciclo della Triade, addirittura la retrocessione in serie B, senza dubbio la pagina più nera della centenaria storia calcistica della Vecchia Signora. E infine, ma non ultimo per importanza…, lo smantellamento di quella squadra che per anni ha dominato in Italia e che era tra le compagini più forti d’Europa con la vendita di Ibra, Zambrotta, Emerson e del pallone d’oro Cannavaro, il capitano della Nazionale che ha trionfato nella finale mondiale a Berlino…

La Juve è risalita immediatamente dalla serie B, ma nella vecchia Coppa Campioni non ha più fatto tanta strada. Nel secondo anno di Ranieri ha addirittura vinto nel girone contro il Real Madrid al Bernabeu, ma poi è stata eliminata negli ottavi di finale nel doppio confronto contro il Chelsea, mentre l’anno dopo i bianconeri sono usciti di scena nel girone che comprendeva tra gli altri il Bayern Monaco.

20130306_matri-celtic-juve-gol

E’ chiaro che la partita di ieri sera contro il Celtic era di fatto una formalità – anche se bene ha fatto Conte a pretendere massima concentrazione – visto che il 3-0 dell’andata non era ribaltabile, ma le reti di Matri e di Quagliarella hanno sancito un evento storico: il ritorno della Juve nel G8 calcistico, tra le grandi d’Europa. Lo vogliamo sottolineare ancora una volta per onestà intellettuale, gli scozzesi non possono certo essere paragonati a quell’Arsenal di Henry e Fabregas o al Chelsea di Essien, Drogba, Lampard… ma comunque i quarti di finale sono un obiettivo prestigioso, centrato con autorità che è stato giustamente festeggiato dai tifosi bianconeri. Adesso bisogna aspettare l’esito dei restanti quattro quarti di finale per capire quale urna dovrà affrontare la Juve nel sorteggio di Nyon, ma i sostenitori bianconeri possono tornare a sognare una grande Juve anche in Europa.

Andrea Magri

 

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here