Home Spor-to Urbano Cairo: dopo l’editoria e il calcio, ora la tv

Urbano Cairo: dopo l’editoria e il calcio, ora la tv

1
SHARE

Urbano Cairo nuovo proprietario di La7. La trattativa tra l’editore alessandrino e la Telecom si è dilatata per mesi, per poi risolversi positivamente questa settimana. Cairo ha rilasciato una sola dichiarazione: “Ho preso una bella patata bollente”.

Non ha torto: La7 (insieme al suo fratellino digitale, La7d) è il terzo valore della televisione generalista in Italia, con a sua disposizione teste di serie come Mentana, Crozza e Gad Lerner, o format come Le Invasioni Barbariche. Proprio il direttore del telegiornale di La7 è stato tra i primi a esprimersi sul cambio di proprietà, auspicando “Una riduzione delle spese per alcune star effimere”.

Sono partite, senza risultati, le congetture su chi sarebbero queste “star effimere”. Cairo cercherà probabilmente di seguire personalmente la gestione del canale tv, così come solito fare anche per le diciotto testate di sua proprietà. La Stella srl è una delle poche aziende editoriali in Italia che non sembra patire la crisi, soprattutto grazie all’abilità nel campo pubblicitario del suo patron.

la7logo

Gli unici a nutrire dubbi su questa operazione commerciale sono i tifosi del Torino. Da quando Cairo ha acquisito la società granata è stato contestato più volte, accusato di cattiva gestione o addirittura di non occuparsi della squadra. Con l’arrivo di un elemento delicato come La7, il timore è che la squadra passi ulteriormente in secondo piano.

Non sono pochi, però, quelli che nutrono una segreta speranza. Quella che l’acquisizione da parte della società di un canale di portata nazionale possa rappresentare l’inizio di un nuovo periodo florido.

Per ora l’accordo con Telecom Italia, ex proprietario di La7, è ancora troppo fresco perché si possa valutare il suo effetto sulla totalità delle proprietà di Cairo. Va riconosciuto, però, che nonostante sia alessandrino l’editore non può essere considerato un imprenditore piemontese in toto: le sue attività, infatti, si concentrano nella vicina, ma pur sempre lombarda, Milano.

 

Redazione Mole24

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here