Home Articoli HP Elena Matilde, la leggenda nera di palazzo Barolo

Elena Matilde, la leggenda nera di palazzo Barolo

4428
SHARE
leggenda palazzo barolo
leggenda palazzo barolo

Era la mattinata del 24 febbraio 1701. Torino silente ed immobilizzata da una nevicata storica si svegliava lentamente. E con lei, si svegliava anche Elena Matilde.

Come uno squarcio in questo scenario bianco, di fronte all’ingresso di quello che allora era palazzo Provana di Druent, il corpo agonizzante di una giovane e triste donna: questa è la triste storia di Elena Matilde Provana di Druent e della sua leggenda che nacque quel giorno.

 “…Essendovi molta neve in terra si è gettata a basso da una finestra del primo piano del palazzo di Monsù Druent una figliola moglie del S.r marchese di Castagnole in camiggia non avendo vissuto più di un quarto d’hora, e questo a causa che Monsù di Druent non voleva che la medema andasse a cohabitare con il d.o S.r marchese di Castagnole.”

 Il palazzo che venne ereditato dai benefattori marchesi Falletti di Barolo dalla famiglia Provana è stato teatro di ben due eventi che contribuiscono a quell’alone nero che ha contraddistinto nei secoli la fama di Torino, entrambi con protagonista la figura di Elena Matilde.

La giovane donna era l’erede della famiglia che fece erigere il palazzo all’inizio del 1600 ed era convolata a nozze nel 1695 con il lontano cugino Gerolamo IV Gabriele Falletti di Barolo all’età di ventun anni.

Già il matrimonio vide il suo inizio sotto nefasti auspici, nonostante i preparativi delle nozze fossero stati accurati e lunghi. Elena volle indossare a tutti i costi una preziosa collana di perle che aveva chiesto personalmente in prestito della duchessa di Savoia, moglie del Duca Vittorio Amedeo II.

Era in corso il gran ballo del ricevimento, quando senza preavvisi, l’enorme scalone a tenaglia collassò in uno scenario catastrofico. Per quanto incredibile non vi furono vittime o feriti, ma la collana di perle sparì come se si fosse volatilizzata. La vicenda, che sembra avere le più fantasiose caratteristiche di un giallo, si risolse il giorno seguente dopo numerose ora di ricerca.

Il gioiello apparve scavando tra le macerie e venne quindi restituito alla duchessa. Sul matrimonio tuttavia gravava già un’ombra oscura.

Non passarono molti anni ed il padre di Elena Matilde Provana, il conte Giacinto Ottavio, ordinò di fatto la fine del matrimonio, costringendo la donna a ritornare al palazzo. Il motivo di questo volere pare fosse dovuto all’impossibilità del genitore di pagare la dote, all’epoca fondamentale per ogni unione matrimoniale. I debiti di gioco del marchese erano ormai una piaga che si allargava fino al triste destino della figlia.

La donna non poté più vedere il marito ed i tre figli che nel frattempo aveva avuto e cadde velocemente in una profonda depressione. Elena fu portata in breve tempo alla pazzia e il suo dolore culminò quella mattina di febbraio del 1701, lanciandosi dal piano nobile dell’edificio.

La coltre di neve non bastò ad attutire la violenza dell’impatto col terreno. Fu chiaro fin da subito a chi cercò di soccorrere Elena Matilde, che non sarebbe sopravvissuta a lungo. Venne portata all’interno del palazzo ed adagiata sulla panca di fredda pietra accanto al portone d’ingresso e qui spirò. Il palazzo cambiò nome e nacque anche la leggenda del fantasma di Elena.

A noi tuttavia, interessa più attenerci ai fatti e ricordare la triste storia di palazzo Provana e dell’infelice donna che qui visse e morì.

Per visitare il palazzo consultate il sito web in cui sono presenti tutte le info utili.

Michele Albera

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here