Home Articoli HP Torino, piazza San Giovanni ed il suo Palazzaccio

Torino, piazza San Giovanni ed il suo Palazzaccio

277
SHARE
Palazzaccio piazza San GiovvanniTorino
Palazzaccio piazza San GiovvanniTorino

Non è Piazza Duomo, perchè quella è a Milano, ma a Torino, piazza San Giovanni ospita il nostro Duomo.

A Torino, piazza San Giovanni non è solo una piazza.

Cosa possiamo ammirare in piazza San Giovanni?

Innanzitutto il Duomo di Torino, che noi chiamiamo Duomo ma che in realtà è una vera e propria Cattedrale. Al suo interno, troviamo la Sacra Sindone, custodita nella terza cappella della navata sinistra della Cattedrale di S. Giovanni.

San Giovanni è il patrono della città, il santo in onore del quale il 24 di Giugno si va in piazza a vedere i fuochi artificiali.

Sullo sfondo ci sono le Porte Palatine, contornate dal verde dei giardini e dai mille colori del mercato di Porta Palazzo che si trova poco più in giù.

Poi c’è il Teatro Romano – o almeno quello che ne rimane – immaginandolo gremito di persone durante una rappresentazione in epoca imperiale.

Si è circondati dallo stile rinascimentale della cattedrale e da quello barocco del campanile alla sua sinistra. Tra tutto svetta quel capolavoro di cappella del Guarini  che aggiunge un pizzico di Medioevo.

E poi pensiamo a Mussolini, un bicchiere di cattivo gusto e un Palazzo odiato da tutti.

Questo ed altro ancora è piazza San Giovanni, là dove passa sfrecciando il tram numero 4.

Piazza San Giovanni ed il suo Palazzaccio
Piazza San Giovanni ed il suo Palazzaccio

Capita spesso, osservando le persone sul pullman, di vedere chi si fa il segno della croce, nel rispetto della chiesa che scorgono dal finestrino, e chi, con una smorfia di disgusto, guarda al palazzo che deturpa quel pour-pourri di meraviglie che è la piazza di fronte alla Cattedrale.

E’ questa la storia del palazzo che ha rovinato una piazza intera e che tutti chiaman Palazzaccio.

Sorto sull’area in cui un tempo se ne stava il palazzo Richelmy di Carlo da Castellamonte del 1622, il Palazzaccio è la croce senza delizia di una Piazzetta che suo malgrado è diventata sintesi dei diversi stili artistici della città.

Tra ristorantini alla moda e palazzi in degrado, fanno la loro bella figura, oltre ai già citati: la Casa, tra i pochi esempi dell’epoca medievale, del Pingone, primo storico ufficiale di Casa Savoia; la Casa del Senato, sul lato meridionale della Piazzetta; Casa Broglia, abitazione tardo medievale.

E se dalle finestre bifore del periodo gotico che spuntano come fiori dalle mura della Piazza il panorama doveva essere dei migliori, oggi, poveri noi, tutto è cambiato.

Dall’epoca romana al cattivo gusto degli anni Sessanta. La sintesi si completa infatti con l’orrore del 1965 di Passanti, Perona e Garbaccio.

Brutto, ma così brutto, che lo stesso architetto dichiarò, in tutta onestà: “Sta venendo male..”

Pessimo esempio di Razionalismo architettonico o brutto e basta?

Ai torinesi l’ardua sentenza.

 

Irene Perino

(Seguici anche su Facebook!)

 

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here