Home Spettacoli Milano Fashion week: le tendenze dell’autunno /inverno ’13-’14

Milano Fashion week: le tendenze dell’autunno /inverno ’13-’14

4
SHARE
milano fashion week 2013 2014
milano fashion week 2013 2014
Tempo di lettura: 2 minuti

Molte di noi stanno già sognando la primavera, quindi sicuramente storceranno il naso nel leggere le ultime tendenze per il prossimo autunno-inverno, ma vero è che si appena conclusa la Milano Fashion Week, nota settimana della moda, quindi meglio non farsi cogliere impreparate sui nuovi trend della prossima stagione fredda!

State tranquille però: se siete abituate ai toni austeri e rigidi della stagione fredda dimenticateli(almeno in parte)!

E’ in arrivo una ventata di colore direttamente dalle passerelle, che invaderanno il guardaroba delle più e meno attente alle ultime tendenze.

Andiamo a scoprire insieme le nuove nuances, nonché gli stili prediletti degli stilisti, che ancora una volta richiamano il passato.

Nella collezione di Dolce & Gabbana, oltre ai colori sgargianti dell’oro e del rosso rubino, notiamo l’opulenza delle fantasie utilizzate negli abiti, come nei tailleur, che possiedono la trama comune dei mosaici del Duomo di Monreale, volti a celebrarne la bellezza e la magnificenza.

A questi fasti, però, si oppongono creazioni di tutt’altra natura: sono presenti, infatti, cappotti e vestiti in lana ed organza, nei toni austeri del grigio e del nero, in parte smorzati dalla presenza del pizzo, che rende subito la donna sensuale e femminile.

Emilio Pucci, invece, si fa conquistare dagli anni ’60, e propone così una collezione divisa tra mini gonne, micro shorts e camicie ora a tinta unita, ora colorate, servendosi anche di stivali cuissardes piuttosto alti in camoscio , regalando allo spettatore l’idea di una donna fresca e grintosa.

Correlato:  Isabel Marant per H&M: appuntamento per domani a Torino

A questa immagine si oppone la donna di Marni, che presenta una collezione piuttosto seriosa, fatta di pantaloni e gonne longuette( eccezion fatta per qualche minigonna), giocata perlopiù nei toni del nero e del grigio antracite, mitigata solo dalla presenza di dettagli in pelliccia colorata, nei toni che vanno dal bordeaux al grigio chiaro, inserita ora in una stola, ora in un cappotto o in un abito.

Versace, invece, propone una collezione proiettata verso il futuro, con elementi punk e creazioni seconda pelle, che si modellano in base alle forme del corpo, e che possiedono colori molto netti e definiti quali il bianco, il nero, il giallo ed il rosso.

Questi ultimi due colori si vanno spesso ad accostare al nero, creando un binomio di nuances di sicuro effetto, inoltre la scelta del vinile e della pelle, legata ai particolari delle zip studiate a regola d’arte, e delle borchie, rendono il tutto ancora più deciso.

Alberta Ferretti, invece, ci regala l’immagine di una donna raffinata, quasi aristocratica, così perfetta da risultare eterea, inafferrabile, attraverso gli abiti lunghi, che esaltano la silhouettes, anche grazie alla presenza di un nastro di velluto cucito strategicamente in vita, ed alle camicie di un candido bianco, ma ecco che ad un tratto ci stupisce con tocchi accesi regalati dal colore verde acido, dal viola, e dal rosso.

Correlato:  Le nuove nuances di stagione

Infine Roberto Cavalli si discosta dal proprio marchio di fabbrica, l’animalier, e si sforza di creare una collezione meno scontata e più indecifrabile, dove la donna indossa pantaloni con stampa floreale,giacche di pelo multicolor e tailleur black& white, nonché abiti con dettagli di borchie metalliche.

Manuela Catanea



Commenti

SHARE