Home Cronaca di Torino Laboratorio di Educazione alla Pace e alla Solidarietà: provare per credere.

Laboratorio di Educazione alla Pace e alla Solidarietà: provare per credere.

57
SHARE
Tempo di lettura: 2 minuti

Anche quest’anno, dal 18 febbraio al 1 marzo 2013 si svolge il 21esimo Laboratorio di Educazione alla Pace e alla Solidarietà ideato e realizzato, in modo completamente gratuito, dall’Associazione O.A.S.I. Operazione Mato Grosso di Torino e rivolto ai bambini delle scuole primarie di Torino e provincia.

Dal 1992 – anno della prima edizione – migliaia di bambine e bambini hanno potuto affrontare in modo divertente ma ragionato e pedagogicamente corretto alcune tematiche quali il volontariato, i diritti ai bambini, la cooperazione internazionale e le diversità culturale. Scopo principale: sensibilizzare le nuove generazioni all’importanza della collaborazione. Il titolo di quest’anno è “Tessere solidali”.

Ed è stato un continuo crescendo: numeri di classi e scuole che hanno aderito sempre più grandi, tantissimi bambini coinvolti che, grazie all’entusiasmo e alla preparazione dei volontari hanno avuto la possibilità di ragionare sulle tematiche prima descritte.

I volontari, quanto mai indispensabili, dedicano alcune ore della loro settimana svolgendo i due incontri recandosi direttamente in aula – con cadenza settimanale, 90 minuti circa l’uno – per sensibilizzare i più piccoli, ma anche le loro maestre ed i genitori su temi sempre più importanti nella società in cui viviamo.

Gli alunni coinvolti quest’anno sono circa 3000 suddivisi in 113 classi per 31 scuole delle classi III, IV e V. Senza contare coloro i quali – altri 1000 bambini di 46 classi del torinese- hanno avuto la possibilità di vivere l’esperienza dello stesso laboratorio al Centro Laura Vicuna a Tetti Francesi di Rivalta ma in una giornata sola, attraverso attività simili da quelle proposte in classe.

Correlato:  Pininfarina prossima a diventare indiana

Numeri a parte – necessari per comprendere la portata e l’impatto di questa attività – è necessario focalizzare l’attenzione su quello che comporta un’attività simile.

Ci piace spesso parlare di società multiculturale, di cooperazione internazionale e di integrazione. Tutti temi che conosciamo da qualche anno a questa parte, e di cui eminenti sociologi, politici ed esperti in genere si sono occupati a vario titolo e in modi diversi. L’Associazione O.A.S.I. di Torino,con questa attività, si è dimostrata lungimirante, già anni fa.

Ed è più che un merito. È un vero servizio.

Leggiamo come la consapevolezza della multiculturalità e le basi per una società più coesa inizi dai bambini; essi comprendono meglio e più facilmente le differenze e contemporaneamente, con la disarmante semplicità che li contraddistingue, fanno comprendere a noi adulti quanto possa essere facile la VERA integrazione.

Ed è un vero piacere ascoltare le loro fondamentali ma quanto mai profonde riflessioni . Ci lasciano stupiti, disarmati e fanno scappare un sorriso anche alle persone più ciniche. Ma sicuramente a noi adulti, che guardiamo al “diverso” con molti pregiudizi, un pensiero detto da uno di questi bambini fa crollare tutti i muri di ostilità che costruiamo tutti i giorni.

Provare per credere.

Per informazioni sull’Associazione:

O.A.S.I. Torino Via F. Valentino 18, 10136 Torino

Tel. e Fax 011356000

oasi.torino@libero.it – http://www.oasiomg.it/

Correlato:  Un successo la spaghettata all'Amatriciana: grazie Torino

 

Giulia Copersito



Commenti

SHARE