Home Enogastronomia Cucina vegana a Torino: ecco dove andare.

Cucina vegana a Torino: ecco dove andare.

187
SHARE
Cucina vegana Torino
Cucina vegana Torino

Trascorsa la settimana dedicata all’amore e alle cene di San Valentino; dopo il carnevale e i bagordi e le maschere che nascondono, è ora di Quaresima per qualcuno e del “remise en forme” per la prova costume per altri.  Da qui all’estate è un soffio!

Per affrontare i prossimi mesi consiglio una buona alimentazione senza perdere il gusto: niente di meglio che un sano tour tra i ristoranti vegetariani della città. Si sa, prima della dieta ci vuole un bel periodo di disintossicazione e perché non iniziare con Verdure, cereali e diminuendo la carne?

A Torino non mancano locali vegani veramente interessanti.

 

– I più gettonati e consigliati da me sono la Mezzaluna , quello “più storico”, dal 1994 in piazza Emanuele Filiberto 8/D: negozio e ristorante con cucina rigorosamente vegana, piatti forti come polpette di seitan e sformati di miglio, insalate di carote e alghe e farinata di porri e trevigiana.

Dopo una bella spesa nel mercato di Porta palazzo non perdetevi una pausa ristoratrice in questo angolo verde. I dolci sono speciali e si trova tutto ciò che occorre per un pranzo salutare.

 

– Spostandosi di quartiere e migrando verso Vanchiglia troverete OhmioBio vicino a piazza Santa Giulia.(via Cesare Balbo, 22/A ).

Locale più grande dove Roberta e Massimo vi allieteranno con una cucina più immediata e semplice e quasi casereccia, con ingredienti rigorosamente vegetali: peperoni ripieni, torte salate, grande varietà di verdure cotte in diversi modi, cereali come l’amaranto.

Qui potrete anche cenare il venerdì e il sabato o trascorrere il pomeriggio degustando the, tisane e dolci senza perdervi le numerose iniziative in tarda serata, con nutrizionisti e psicologi che discutono su alimentazione e benessere.

 

– Tornando in Centro dove solitamente è davvero difficile trovare un posto dove mangiare in modo veloce, ma anche sano.

Da non molto ha aperto i battenti un’altra gastronomia vegetariana non lontana da Piazza Castello, gestita da due liguri. Il format anche qui è la gastronomia, con sedie a sgabello e tavoli alti, indice di un pranzo più frugale. Si chiama Articiocc, (via Palazzo di città 6C) la cucina è tipica ligure, ma soprattutto vegetariana e vanta a suo favore il fatto di competere con tutti i bar del centro.

 

– Ma torniamo a camminare per i quartieri verso i luoghi nevralgici profondamente “Veg”, arrivando in zona San Paolo, nella cui via pedonale troviamo la vera Gastronomia Vegetariana (via Dante Di Nanni, 116) qui si incontrano l’esperienza, la passione la dedizione e la cultura veg, una vera “VegStory” con tanto di musica di sottofondo. Non mancano gli eventi culturali.

Ci si può cenare, ma anche ordinare pasti take away o programmare un catering su misura anche per le esigenze dei palati più raffinati.

Tredici anni di esperienza e sperimentazione in ambito Bio-Veg emergono da ciò che si mangia e la qualità è alta, non c’è che dire. Inoltre la Gastronomia Vegetariana promuove la diffusione dei prodotti del Commercio Equo e Solidale (thè, caffè, zucchero di canna, cous cous, quinoa, spezie) di cui ne condivide la filosofia.

 

Insomma per tutti i gusti e tutti i quartieri e se raggiungerete tutti i luoghi indicati a piedi, il dimagrimento è assicurato.

 

Valeria Saracco (seguimi su http://duecuorieunaforchetta.wordpress.com/)

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here