Home Teatro Un percorso sul teatro al femminile in Italia: alle 18 presentazione al...

Un percorso sul teatro al femminile in Italia: alle 18 presentazione al Circolo dei Lettori

4
SHARE
presentazione teatro femminile Circolo Lettori
presentazione teatro femminile Circolo Lettori

Giovedì 21 febbraio alle ore 18 presso il Circolo dei Lettori, in via Bogino 9, a Torino, si apre il secondo ciclo di presentazioni del volume Dal Magdalena Project al Magfest: un percorso sul teatro al femminile in Italia.

La tappa successiva, il 26 febbraio, sarà a Roma presso le Ex Vetrerie Sciarra dell’Università “La Sapienza”, e la terza, il 23 marzo, al Teatro Rasi di Ravenna Il volume, pubblicato da Editoria & Spettacolo, nella collana Antigone diretta da Roberto Cruciani, come scrive la curatrice Giulia Palladini, «fotografa un momento nel tempo – il biennio 2008-2010 – in cui è avvenuta la fondazione della rete Magdalena Italia attraverso i primi due “Magfest” e il terreno di relazioni all’interno del quale questa fondazione ha avuto luogo».

 Il Magdalena Project è un network internazionale di donne nel teatro contemporaneo, fondato da Jill Greenhalgh nel 1986 a Cardiff (Wales, UK) e ora presente in 50 paesi del mondo. Nel corso di oltre vent’anni, il Magdalena Project ha organizzato festival, workshop, gruppi di lavoro e incontri con la finalità di dare visibilità al lavoro delle donne nel teatro, offrendo loro un supporto nella pratica teatrale e nella riflessione teorica.

In Italia, il Magdalena Project è presente attraverso i festival “Magfest”, arrivati alla quarta edizione e fondati dalla regista Annamaria Talone e dall’attrice-pedagoga Gabriella Sacco. I festival italiani si sono finora svolti in Abruzzo e in Piemonte, costituendo una piattaforma di lavoro stabile sul territorio italiano.

Circolo dei lettori Torino
Circolo dei lettori Torino

 

Il volume nasce, in prima istanza, dal desiderio di non disperdere i preziosi contributi emersi all’interno del primo Magfest realizzato a Pescara nell’aprile 2009; in secondo luogo, dall’esigenza di articolare un discorso più ampio tanto sul Magdalena Project quanto sulla relazione tra i “Magfest” e le esperienze delle artiste attive nella rete internazionale del Magdalena Project, come Julia Varley, Ana Woolf o Helen Chadwick. Un’occasione importante per far conoscere il progetto, anche al fine di stimolare il coinvolgimento di nuove compagnie, artiste e teoriche provenienti da diverse regioni italiane.

Il volume è stato curato da Giulia Palladini, giovane studiosa abruzzese, ricercatrice presso l’Università di Erfurt (Germania), che da diversi anni lavora sulla storia e la teoria del teatro con particolare attenzione a un’ottica di genere. Oltre alle testimonianze delle artiste presenti al “Magfest” del 2009 (Julia Varley dell’Odin Teatret, Ermanna Montanari del Teatro delle Albe, Helen Chadwick della Royal Shakespeare Company, Ana Woolf del Magdalena Argentina), nella pubblicazione trovano spazio i contributi di importanti studiose di teatro come Valentina Valentini (Università “La Sapienza” Roma), Laura Mariani (Dams Bologna), Carlotta Pedrazzoli (Circuito Teatrale del Piemonte), Francesca Romana Rietti (Odin Teatret Archives).

L’operazione coinvolge anche studiose esterne alla rete Magdalena, al fine di offrire un quadro complesso ed eterogeneo della scena teatrale femminile italiana e fornire spunti di riflessione sulla pratica teatrale anche oltre una prospettiva di genere. Il Magdalena Italia vuole infatti dialogare con il contesto teatrale italiano ponendosi come luogo di condivisione aperto ad attrici/attori, performer e studiose/i che abbiano il desiderio di confrontare idee e pratiche artistiche con una cura particolare al “processo creativo”.

 Alla presentazione di Torino, oltre alle coordinatrici del Magfest Annamaria Talone, Gabriella Sacco e Valentina Tibaldi, interverranno l’attrice Mariella Fabbris e l’operatrice teatrale Carlotta Pedrazzoli. A moderare l’incontro sarà la giornalista de La Repubblica, Maura Sesia.

r.mazzone@mole24.it

 

Commenti

SHARE
Previous article“Succede in città”: un successo l’incontro sull’architettura
Next articleEmirates Stadium, Allianz Arena, Juventus Stadium. Trova l’intruso.
Laureato in Scienze della comunicazione con un Master in Informazione, New Media e comunicazione plurimediale, conseguito nel 2012. Giornalista pubblicista, grande appassionato di teatro, inizia a frequentarlo come spettatore, e dal 2003 in qualità di operatore dell’informazione e critico teatrale, collaborando con numerose testate e webzine di settore, specializzandosi soprattutto nel teatro musicale. Giornalista pubblicista, è inoltre membro dell’Associazione Nazionale Critici di Teatro e fa parte della giuria di PrIMO, il Premio italiano per il musical originale, ideato da Franco Travaglio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here