Home Teatro Da sabato l’arte torinese in scena al Teatro Nuovo

Da sabato l’arte torinese in scena al Teatro Nuovo

5
SHARE
Artisti torinesi Teatro Nuovo Torino
Artisti torinesi Teatro Nuovo Torino

Quest’anno il TNT Fondazione Teatro Nuovo Torino accoglie, nella sala espositiva affacciata sul foyer, una serie di mostre dedicate ad artisti dell’area torinese.

Dopo la prova generale dell’ottobre scorso realizzata con “Profilo d’autore” del ritrattista Giancarlo Bravin il progetto prosegue con la mostra di arte contemporanea dal titolo “L’Arte a Teatro”.

La mostra verrà inaugurata sabato 16 febbraio alle ore 17, seguita, alle ore 21, dall’atteso Tango Macho della compagnia argentina Los Hermanos Macana per la rassegna Il Gesto e l’Anima.

L’Arte a Teatro” presenta una selezione di circa una ventina di opere di Alberto Branca e Savino Letizia , quest’ultimo conosciuto come “l’artista delle forbici”. L’allestimento della mostra è firmato da Valentina Grecco, giovane critica d’arte romana – e non a caso anche talentuosa attrice – presente all’ inaugurazione.

La mostra proseguirà fino al 28 marzo, a ingresso libero, in sincronia con gli spettacoli e le manifestazioni in calendario presso la Fondazione Teatro Nuovo, ma si potrà visitare anche dal lunedì alla domenica.

Tra i numerosi eventi in programma, domenica 3 marzo alle ore 15 è previsto l’intervento di Giorgio Grasso, coordinatore del Padiglione Italia (Sala Nervi) alla 54° Biennale di Venezia.

 “Si tratta del primo nucleo di un percorso più ampio – spiega Lino Bongiovanni, vicepresidente della Fondazione Teatro Nuovo – che vuole costruire una serie di “incontri” tra il teatro e artisti di diversa formazione e sensibilità”.

L’iniziativa si inserisce in una visione olistica del fare arte dove attori, ballerini, cantanti, pittori e scultori interagiscono direttamente e indirettamente, tra loro e con il pubblico e dialogano per osmosi nel territorio comune della bellezza e dell’armonia.

L’obiettivo è quello di stimolare la percezione sensoriale del fruitore recuperando, attraverso un modello

olistico, appunto, il senso originario del “fare teatro” e cioè la rappresentazione simbolica della vita che libera le energie emotive dell’uomo.

r.mazzone@mole24.it

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here