Home Cronaca di Torino “Cosa succede in città”: oggi al Circolo dei Lettori l’architettura ...

“Cosa succede in città”: oggi al Circolo dei Lettori l’architettura è protagonista

5
SHARE
"Cosa succede in città": iniziano oggi gli incontri organizzati dall’associazione Cento per Cento Lettori Circolo dei lettori Torino
Tempo di lettura: 2 minuti

Dove si muove la Torino del Futuro.  Quale sarà il suo skyline . Quale il suo sviluppo urbanistico.

Si tratta di un tema al centro delle riflessioni sullo sviluppo dei prossimi decenni per la nostra città, uno sviluppo che, come confermano i progetti di riqualificazione urbana tuttora in corso, è appena iniziato.

Questo sarà anche il tema del secondo appuntamento del ciclo di incontri “Cosa succede in città”, organizzato dal Circolo dei Lettori nella sede di via Bogino insieme all’associazione Cento per Cento Lettori. Un ciclo partito alla grande, lo scorso 18 gennaio, quando si è discusso di fronte a una sala gremitissima del presente e del futuro della scuola.

Lunedì prossimo, con inizio alle 21, sono attesi Carlo Alberto Barbieri, docente di Principi di pianificazione – Politecnico di Torino, Franco Corsico, già assessore Urbanistica – Città di Torino, Livio Dezani, direttore Urbanistica – Regione Piemonte, Anna Prat, direttrice Associazione Torino strategica e Matteo Robiglio, architetto.

L’incontro sarà moderato dall’architetto Carlo Pession: l’intento, secondo gli organizzatori, è dare vita a «Uno scambio di idee, giocato in modo ironico e provocatorio, per guardare alle sfide che attendono il territorio e discutere su possibilità e limiti morfologici che condizionano ogni scelta urbanistica».

Cosa succede in città, ciclo incontri Circolo Lettori

I prossimi appuntamenti: il 25 marzo il tema è “Cittadini si diventa” e la serata sarà dedicata a cittadinanza, interculturalità e immigrazione; il 15 aprile sarà al centro della discussione il ruolo di Torino città dei trapianti (nei quali la nostra città detiene un ruolo di assoluto primato), il 6 maggio una serata dedicata alla piccola imprenditoria torinese e chiusura il 27 maggio parlando di cultura.

Correlato:  Torino ed il caffè: un binomio risalente al 1800

L’associazione Cento per Cento Lettori, che si autodefinisce composta da “insospettabili lettori per vocazione, professionisti per dovere”, nata a sostegno del Circolo dei lettori, ha deciso di organizzare questa fortunata iniziativa da un lato per festeggiare il suo primo anno di vita, dall’altro per illustrare Torino da punti di vista differenti:

«Rappresentanti della società civile, desiderosi di partecipare ai destini della propria città, conducono momenti di confronto su scuola, architettura e territorio, integrazione sociale, salute, economia e impresa, con l’incontro finale dedicato alla cultura, aspetto strategico perché la capitale sabauda rimanga vitale e ricca di stimoli». Ingresso libero, informazioni: www.circololettori.it, su Twitter si può diventare followers di @circololettori e seguire e commentare gli incontri utilizzando l’hashtag #succedeincittà.

A.Besenzoni



Commenti

SHARE