Home Spor-to Rugby, il Cus Torino piegato all’ultimo minuto

Rugby, il Cus Torino piegato all’ultimo minuto

4
SHARE
Giulio Forte Cus Torino Rugby
Giulio Forte Cus Torino Rugby
Tempo di lettura: 2 minuti

Sconfitta beffarda per il Cus Torino, che perde in casa con l’Amatori Catania, al termine di una serie di calci piazzati che sfavoriscono i torinesi.

Partiamo dalla fine: Torino è in vantaggio a tempo quasi scaduto, 11 a 10. Il Catania usufruisce di un calcio centrale e sorpassa i padroni di casa, che però hanno ancora tempo di riversarsi nella metà campo avversaria e guadagnare una punizione con l’ala Baire. Questa volta, però, il cecchino D’Angelo non è più forte della difficoltà di un calcio da posizione defilata, e la beffa per Torino si concretizza.

Che il match sarebbe stato difficile si è visto fin dall’inizio: già al 1′ un’intesa fra Rechichi e Parisi pare destinata ad andare in meta. Il Ce.S.In. chiude bene e si ripete sulla successiva percussione di Zappalà. I biancoblu subiscono le azioni in velocità dei rivali e stentano a mettere la testa fuori dalla loro metà campo. Al 20′, però, sono loro ad andare in vantaggio, grazie a una punizione di D’Angelo (3-0). Tre minuti dopo un calcio in avanti piuttosto innocuo dei catanesi non viene controllato dall’ex Forte, che commette “in avanti”.

Si riparte da mischia e l’Amatori preme fino alla meta meritata di Borina, che poi effettua anche la trasformazione (3-7). Lo stesso Borina incrementa il vantaggio poco dopo, e l’Amatori chiude il primo tempo meritatamente avanti.

Correlato:  Rugby, ripartito (bene) il campionato

 

Rugby Cus Torino
Rugby Cus Torino

Il secondo tempo vede un Ce.S.In. migliore e un Amatori che accusa la stanchezza e commette molti falli. Spesso non visti i fuorigioco e le irregolarità in mischia, fondamentale in cui capitan Narcisi e compagni sono nettamente superiori. Al 9′ Borina si prende il cartellino giallo e D’Angelo accorcia le distanze su punizione (6-10). Dopo numerosi tentativi vani alla fine arriva meta di D’Angelo al 36′ che sembra la definitiva boccata d’ossigeno, anche se la trasformazione non va a buon fine (11-10).

 Il resto è l’incredibile manciata di minuti finale. Migliore in campo è il terza linea siciliano Cristian Rechichi, che così commenta il risultato: «Abbiamo conquistato una vittoria sofferta, frutto dell’ottima tattica messa in campo. Siamo stati belli aggressivi e siamo andati subito in pressing. Siamo una squadra con una mischia leggera e abbiamo puntato su un gioco agile e dinamico. Abbiamo iniziato molto bene nel primo tempo, poi nel secondo siamo un po’ calati, salvo tornare avanti con qualche buon calcio. Siamo contenti della prima vittoria esterna dell’anno. Questa volta, rispetto alle precedenti, ci abbiamo creduto di più ed è andata bene».

La Redazione di Mole 24

 



Commenti

SHARE