Home meteo Torino Nevica a Torino ( finalmente le previsioni meteo si sono avverate!)

Nevica a Torino ( finalmente le previsioni meteo si sono avverate!)

7
SHARE
web cam piazza Castello Torino
web cam piazza Castello Torino
Tempo di lettura: 2 minuti

Era stata annunciata. Prevista. Temuta. E alla fine è arrivata. Fiocchi di neve imbiancano Torino da questa mattina, e secondo il Comune “Fino a stasera potrebbero depositarsi circa 10-15 cm di neve in pianura e almeno 20 cm sulla collina. La neve si presenterà farinosa e asciutta, favorendo la formazione di strati di neve compattata e scivolosa al suolo. Durante la fase più intensa le temperature oscilleranno tra i -1.5 °C in pianura e i -5 °C in alta collina”.

Il primo dato di fatto, sensibile, è che le previsioni meteo questa volta ci hanno preso, alla grande. La hanno chiamata Big Snow, nevicata perfetta, e numerosi altri nomignoli frutto della fantasia dei meteorologi (gli stessi, per intenderci, che hanno preso la splendida abitudine di battezzare le perturbazioni che passano in Italia, fossero anche portatori di qualche pioggerellina). Ma tant’è: stavolta ci hanno preso.

Specificare che “stavolta” ci hanno preso non è banale: poche settimane fa era stata prevista una nevicata molto abbondante, tale da mettere anche a rischio lo svolgimento del campionato di calcio. Vennero giù due fiocchi, e allo Juventus Stadium si giocò e si poté assistere alla partita senza patemi. Senza scomodare invece i casi, più clamorosi, che per fortuna non riguardano la nostra città: il sindaco di Roma Alemanno ancora ricorda la breve ma catastrofica (per gli effetti inattesi, più che per l’entità), nevicata dello scorso anno, ma anche quella annunciata come violentissima poche settimane dopo la prima, che poi non arrivò.  E giù ironia e battute.

Correlato:  Meteo a Torino: Pasquetta a rischio pioggia
web cam Comune di Torino
web cam Comune di Torino ( Toirno Meteo)

 

Ma come è possibile, ci si chiede, che nel 2013, con mezzi tecnologici che da satellite azzeccano al millimetro la tua posizione sulla terra, non sia ancora prevedibile con certezza l’arrivo, o meno, di una violenta perturbazione?

Partiamo da un dato di fatto: le tecnologie non sono (ancora) perfette. Basti pensare che un anno fa laNational Oceanic and Atmospheric Administration, praticamente la bibbia dei meteorologi, diffuse un comunicato stampa choc, in cui spiegava che le mappe elaborate dai modelli GFS ed ECMWF (i principali modelli di elaborazione di previsioni meteo) non sono valide perchè viziate da gravi errori di inizializzazioni dei dati. Come come come?

Ebbene si. Anche le rilevazioni, capita, sono inesatte. E pare che la causa tecnica possa risiedere in errori provenienti dai dati delle boe situate al centro dell’Atlantico.

Insomma, il meteo è pazzo, e di conseguenza possono impazzire le previsioni. Il vero esperto, infatti, è quello che sa INTERPRETARE i numerosi dati, che per noi comuni mortali sono forse in alfabeto ostrogoto, provenienti dai mezzi di rilevazione: isoterme, isobare e isoiete, movimenti barici e sinottici, configurazioni strutturali e indici  teleconnettivi. Insomma, i freddi numeri vanno interpretati. E, interpretando, può capitare di sbagliare.

Non oggi, però: oggi neve era annunciata e neve fu.

Buona Torino imbiancata a tutti!

Correlato:  Inverno 2015: uno dei più caldi degli ultimi decenni

Andrea Besenzoni

 



Commenti

SHARE