Home Teatro Chi c***o ha combinato tutto questo?

Chi c***o ha combinato tutto questo?

4
SHARE
Fabrizio Esposito
Fabrizio Esposito
Tempo di lettura: 1 minuto

Dal 23 al 25 gennaio, nell’ambito della stagione ‘Alla Musa’, proposta dal Cineteatro Baretti di Torino, sarà in scena Chi cazzo ha cominciato tutto questo?

La regia porta la firma di Mauro Avogadro, di nuovo a Torino per aver accettato generosamente la proposta di sostituire Davide Livermore impegnato in un importante progetto all’estero sopravvenuto con l’inizio del nuovo anno.

Nel 2003 Livermore mette in scena, per la prima volta in Italia, Bure Baruta – La Polveriera – di Dejan Dukovski prodotto dal Teatro Regio di Torino, Unione Musicale, Teatro Baretti. Nella sua versione cinematografica La Polveriera vinse il Premio della Critica al Festival di Venezia nel 1998.

Lo spettacolo coniugava la graffiante e disperata drammaturgia balcanica con una recitazione asciutta e terribile, insieme ad invenzioni sonore che creavano contrasto e vertigine per la valorizzazione dei personaggi e delle storie.

 Anche questo testo, come Bure Baruta, è spietato e crudele: sette stanze, sette storie, sette incontri, dove tutto è senza il peso della convenzione sociale, dove i pensieri segreti si mostrano e si scatenano, dove i personaggi che popolano questo mondo lisergico, onirico, sono verità profonde e disperate, degenerazioni del pensiero di ognuno di noi, che svela verità rimosse per troppo tempo.

A chiedersi Chi cazzo ha cominciato tutto questo? sono un Clown, un Arabo Nero, un Collezionista di bollette, Lulu, una Ballerina e dottor Fallus, una Suora, un Demone in gabbia, una Fuggiasca e Angeli che muti, immobili, assistono alla deriva dell’anima che perde la gravità, staccandosi dai pesi della convenzione sociale, della morale, cantando la risurrezione del libero pensiero.

Correlato:  Il circo psichiatrico sbarca in città

 In scena Rossana Mortara, Giancarlo Judica Cordiglia e Sax Nicosia, ex allievi del regista Avogadro alla Scuola del Teatro Stabile di Torino, oggi professionisti affermati.

r.mazzone@mole24.it

 



Commenti

SHARE