Home Ambiente Blocco Euro 3 diesel: un secco no dalla Sala Rossa

Blocco Euro 3 diesel: un secco no dalla Sala Rossa

5
SHARE
Blocco Euro 3 Torino
Blocco Euro 3 Torino
Tempo di lettura: 2 minuti

Il Consiglio Comunale contro il blocco degli Euro3 diesel nella Ztl, varato con un’ordinanza lo scorso 7 gennaio.

Con una schiacciante unanimità – 29 consiglieri favorevoli sui 29 presenti – la Sala Rossa ha approvato la mozione che chiede alla giunta e al sindaco di bloccare il provvedimento che vieta alle auto Euro 3 alimentate a diesel l’ingresso nella Ztl. Provvedimento che ha già fatto infuriare cittadini e commercianti.

Impedire a chi possiede un’auto Euro 3 diesel l’ingresso nella Zona a traffico limitato e costringere, almeno per alcune ore, molti a circumnavigare il centro per poter tagliare la città deve essere sembrata anche ai consiglieri comunali una misura draconiana, tanto più perché in tempi di crisi

Un secco no, o meglio una richiesta di ritirare quella misura è arrivata da una Sala Rossa forse mai così compatta. La mozione presentata ieri ha ricevuto un appoggio bipartisan che ora metterà la giunta ed il sindaco nella posizione di valutare attentamente il da farsi, evitando magari il muro contro muro.

Blocco Euro 3 diesel: un secco no dalla Sala Rossa
Blocco Euro 3 diesel: un secco no dalla Sala Rossa

L’unanimità è un messaggio chiaro che non può essere ignorato in un organo democratico quale è il consiglio comunale.

Per cominciare la Giunta di Torino  potrebbe prendere in considerazione le proposte alternative suggerite dai firmatari nella stessa mozione.

In particolare si chiede di aumentare le zone 30 e le pedonalizzazioni in tutta la città, di rafforzare la rete dei mezzi pubblici e incentivarne l’uso (la seconda, senza la prima, è difficile da attuare perché se ci fosse una rete capillare ed efficiente non ci sarebbe bisogno di incentivare la gente a lasciare l’auto in garage) e di attuare quanto prima il Pums (Piano urbano per la mobilità sostenibile) e dal Bici Plan.

Correlato:  A Torino il caldo è da record: temperature anomale a maggio

Vietare oggi alle Euro 3 diesel (domani a quelle alimentate a benzina e prima o poi anche ai veicoli Euro 4) per ridurre lo smog sembra tanto un voler svuotare il mare con un cucchiaino, soprattutto se consideriamo che la Pianura Padana soffre di un problema morfologico e strutturale, essendo una “palude” in cui l’aria cattiva ristagna e non si crea un ricircolo benefico.

La mozione ha messo alle corde l’amministrazione, ora toccherà stare a vedere quali saranno le risposte.

La Redazione di Mole24



Commenti

SHARE