Home Ambiente 10 progetti per fermare lo smog e far crescere Torino

10 progetti per fermare lo smog e far crescere Torino

13
SHARE

L’inquinamento atmosferico, o meglio smog, a Torino continua ad essere un problema a cui è difficile trovare una soluzione.

Nell’ultimo periodo nel capoluogo piemontese, infatti, è cambiato il trend e l’analisi dell’aria ha registrato un notevole peggioramento  delle  condizioni.

La media di Pm10 dell’aria  è cresciuta del 21% rispetto all’anno precedente,

Per diminuire il problema l’assessore all’Ambiente La Vitola , insieme a quello dei trasporti Claudio Lubatti, ha annunciato ieri che nei prossimi mesi ci potranno essere delle azioni straordinarie ( quali il blocco del traffico o la circolazione  dei veicoli a targhe alterne) per limitare, o meglio migliorare la situazione atmosferica

Ma quali sono le opere “strutturali che  Palazzo Civico” ha messo e sta mettendo in pratica per diminuire questo pericolo?

 

1) Ampliamento Linea 1 e creazione Linea 2 della Metropolitana

Palazzo Civico ha deciso  di continuare a puntare su questo mezzo di trasporto sotterraneo per ridurre l’inquinamento dell’aria.

La realizzazione della metropolitana nel 2006, ha cambiato le abitudini dei torinesi: sono sempre di più coloro che usano la linea di trasporto sotterranea al posto di utilizzare la propria automobile .

Negli ultimi mesi, infatti, si è registrato un forte incremento dei passeggeri che sono passati da 90.000 a 120.000 al giorno (dall’inizo dell’anno ad oggi sono 46 milioni gli utenti totali della tratta sotterranea).

Quindi, non solo sono in fase di  sviluppo i lavori per l’ampliamento della Linea 1  ( il tratto Lingotto – piazza Bengasi che sarà ultimato nel 2015 ), ma anzi è in via di definizione un nuovo studio di fattibilità di una seconda tratta sotterranea,  per una lunghezza pari  21 chilometri.

Quest’opera infatti è  stata riconosciuta tra le priorità  a livello nazionale da parte del Governo che, quindi, nei prossimi anni dovrebbe erogare i finanziamenti necessari

 

10 progetti per fermare lo smog e far crescere Torino

 

 2) Miglioramento e rinnovamento  del parco mezzi della  GTT

A inizio 2012 sono entrati in funzioni 70 nuovi  autobus ecologici della lunghezza di 18 metri.

Entro la fine del 2012 , pero’, verrà indetta una nuova gara per la sostituzione degli altri 150 mezzi adesso in funzione , lunghi  12 metri  che andranno  a sostituire del tutto il restante parco veicoli Euro Zero e quindi, maggiormente inquinanti.

Insomma, dal 2013 a Torino i pullman saranno tutti di nuova generazione.

10 progetti per fermare lo smog e far crescere Torino

3) Completamento del passante ferroviario 

Il Sistema Ferroviario Metropolitano (S.F.M)   è lo studio di riorganizzazione del traffico dei treni che circolano all’interno  Torino e  dovrà essere deciso entro la fine dell’anno – 2012-  dal Consiglio comunale

Il progetto prevede la creazione  di 5 linee di ferroviare  che colleghino le principali stazioni cittadine  ( Porta Susa, Lingotto, Porta Nuova, Stazione Dora ) con il   transito di  treni periodico – all’incirca ogni 30 minuti  – per tutto l’arco della giornata.

10 progetti per fermare lo smog e far crescere Torino

 

4)  Aumento delle piste ciclabili

Per ridurre l’inquinamento, Palazzo Civico vuole continuare  incentivare l’uso delle biciclette a discapito delle vetture a motore, come fatto negli ultimi anni.

Per questo in Consiglio Comunale si sta studiando e sviluppando un progetto per  il potenziamento dell’attuale percorso ciclistico cittadino .

Uno studio  che  dovrebbe prevedere il raddoppio – per la fine del 2013 – degli attuali 175 chilomtri dii tracciato già destinato alle 2 ruote.

10 progetti per fermare lo smog e far crescere Torino

 

 5. Potenziamento del servizio di Bike Sharing

L’obiettivo del Comune o è quello di aumentare il servizio di Bike Sharing che, ad oggi, vanta già più di 18.000 abbonati.

Dopo i primi problemi iniziali, il servizio ha preso piede tra i torinesi  ed entro il prossimo  dicembre 2012 , apriranno altre 34 nuove stazioni dotate di biciclette, portando così  il numero totale di  116 stazioni.

L’ obiettivo –  per il prossimo anno, il 2013 –  è quello di avere 200 stazioni in modo da coprire  tutta la città.

10 progetti per fermare lo smog e far crescere Torino

 

6 Realizzazioni di nuove aree pedonali

Insieme alle varie Circoscrizioni cittadine, Palazzo Civico sta studiando nuove zone da rendere accessibili solo ai pedoni.

L’obiettivo è quello di ampliare la pedonalizzazione anche ad aree che non siano prettamente centrali.

Ad oggi sono già  400.000 metri quadrati lo spazio in cui è vietato accedere ai veicoli a motore.

10 progetti per fermare lo smog e far crescere Torino

 

7 ) Estensione delle “zone 30” a nuove aree cittadine

Dopo la creazione delle prime zone 30 – nella seconda e nona  Circoscrizione –  l’intento Palazzo Civico vuole  aumentare aree in cui i mezzi a motore non possono superare i 30 chilometri all’ora,

Ad oggi sono 90 i chilometri della città in cui vige questa limitazione, ma sono al vaglio nuove ipotesi nella zona ovest della città.

10 progetti per fermare lo smog e far crescere Torino

  8) Sviluppo del teleriscaldamento.

Grazie all’entrata  in funzione della nuova centrale elettrica “Torino Nord” oltre la la metà della popolazione di Torino, da quest’inverno,  sarà servita dal teleriscaldamento.

Questo fa di Torino la città italiana dove questo servizio di riscaldamento è il più usato.

10 progetti per fermare lo smog e far crescere Torino

 

9. progetto per il trasporto pulito delle merci a partire attraverso veicoli elettrici

E’ in fase di studio la possibilità di stipulare partnership o collaborazioni con società pubbliche e/o  private per organizzare  il trasporto pulito delle merci in città

Lo sviluppo riguarda i bandi promossi dalla Comunità Europee a favore delle “Smart City” per i prossimi anni

10 progetti per fermare lo smog e far crescere Torino

10. Cooperazione con il  sistema creditizio locale per la  sostituzione di vecchie caldaie

 Un piano che rientra nel progetto “Torino Smart City” che si propone  di sviluppare interventi di  riqualificazione energetica da parte di privati, imprese e  condomini  delle vecchie ed inquinanti caldaie ancora in uso.

Un progetto  che sarà sviluppato con una serie di  istituti di credito locali, atti a  garantire i fondi per l’avvio delle opere  – e tramite un fututo  bando per la scelta delle società che dovranno realizzare  i lavori.

 

 

Commenti

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here