Home Teatro Mille modi di fare teatro all’Araldo di Torino

Mille modi di fare teatro all’Araldo di Torino

10
SHARE

Al via al Teatro Araldo di Torino la quinta edizione della stagione più eterogenea del panorama teatrale locale.

Nata nel 2008, Mille Modi di Fare Teatro propone in un unico cartellone i differenti generi di spettacolo dal vivo, presentando al pubblico una ricca stagione, sempre con un’attenzione particolare alla sperimentazione e al teatro di ricerca.

«Per questa quinta edizione, – dice il direttore Walter Revello – abbiamo deciso di proporre al nostro pubblico una varietà di generi ancora maggiore, ospitando compagnie provenienti non solo dal Piemonte, ma da tutto il territorio nazionale».

 Grandi novità e molte conferme per la stagione che prenderà il via il prossimo 5 ottobre e proseguirà sino al 31 maggio 2013: oltre 50 spettacoli in cartellone – spaziando dalla prosa, al varietà, al musical, alla danza – presentati da compagnie amatoriali e professionali.

Attenzione sempre concentrata verso i giovani artisti e sulle nuove drammaturgia, proseguendo nel corso della stagione la direzione intrapresa dal festival Invasione, giunto nell’estate 2012 alla terza edizione.

 Per il quinto anno consecutivo è confermata la stagione di opera e operetta, con la presentazione di un evento al mese a cura di Barbari Invasori e dell’Orchestra d’la Region Piemont. Primo appuntamento venerdì 26 ottobre alle ore 20.30 con il Gran Galà Lirico, una serata dedicata a Bellini, Rossini, Donizetti e Mozart. Seguiranno le operette più celebri del panorama internazionale: Il paese dei campanelli (17 e 18 novembre), Cin Ci La (19 e 20 gennaio 2013) La duchessa del Bal Tabarin (16 e 17 febbraio 2013), La Belle Hélène (maggio 2013); due serate saranno dedicate ai grandi maestri dell’opera italiana, Giuseppe Verdi (29 dicembre) e Giacomo Puccini, sulla cui figura è incentrato lo spettacolo L’ultimo giorno, che sarà presentato in anteprima assoluta il 20 aprile 2013. A grande richiesta torna inoltre Il Barbiere di Siviglia di Gioacchino Rossini, in un nuovo allestimento e con un cast internazionale (16 marzo 2013).

teatro Araldo
teatro Araldo

Dopo il successo delle due passate edizioni, torna Brava…che non è peccato ma è fantastico! il varietà comico sulla musica. Nella terza edizione, Generations, ogni puntata si focalizzerà su un decennio, mettendo a confronto due differenti generi musicali: si inizia il 5 ottobre con gli anni Sessanta, il rock and roll contro il beat; a novembre sarà la volta degli anni ’70, hippie contro disco music, e anni ’80; a inizio dicembre si affronteranno il punk e il pop. Il 31 dicembre sarà la volta di una serata evento, sempre targata Brava, dedicata alla storia della musica italiana, con i grandi successi degli anni ’60, ’70 e ’80, un occasione per aspettare insieme la mezzanotte cantando Morandi, Mina e tutti i successi che hanno segnato la nostra storia.

Quest’anno Brava si sdoppia: il mercoledì, ogni quindici giorni, sarà dedicato ai grandi cantautori della musica italiana, con serata dedicate alla musica ma anche e soprattutto alla poesia dei loro testi, raccontati da Walter Revello e cantati dai cantanti di Brava, con accompagnamento dal vivo del pianoforte (Poesia per Musica).

Il cartellone prevede anche la prima edizione di Va tutto bene… Madama la Marchesa?, rassegna nazionale di teatro a tematica GLBT (Gay, Lesbian, Bisex, Transgender), organizzata dall’ Associazione Culturale Barbari Invasori-Teatro Araldo, in collaborazione con Thealtro, che verrà presentata a breve.

Tratto distintivo della stagione, confermato anche quest’anno, è il prezzo del biglietto: sono previste tre fasce di prezzo (da € 7 a € 15, ad eccezione delle serate Poesia per Musica, con ingresso unico a € 5), per offrire maggiore dinamicità possibile, permettendo così al pubblico di concedersi una piacevole serata a teatro anche in tempi di crisi, non solo culturale.

R.Mazzone@mole24.it

 

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here