Home Cronaca di Torino Sigarette elettronica, una moda che ha conquistato Torino

Sigarette elettronica, una moda che ha conquistato Torino

14
SHARE

Nascono e si moltiplicano come funghi i negozi di sigarette elettroniche. Il gadget salutista inizia ad essere avvistato tanto nei mercati quanto nei bar del centro, nelle mani di comuni lavoratori come in quelle di eleganti ragazzi di collina.

Nessun aiuto dall’alto per incoraggiare il boom: le sigarette elettroniche spopolano, ma non per chissà quale incentivo ministeriale, né per una certificazione (ah, la burocrazia…) attesa chissà quanto. Sono “legali” da anni (nel senso: sono anni che hanno ottenuto il nulla osta ad essere vendute), ma il business è partito solo in questi mesi. Il merito è di aziende come la torinese Smookiss, che ha permesso a diversi commercianti di aprire il loro negozio in franchising.

Uno di questi è in piazza Statuto, dove Barbara Cottone, proprietaria di uno di questi punti vendita, spiega: “Siamo i figli della crisi, per più ragioni. In primis, nei periodi duri si sviluppano idee nuove per rimanere sul mercato, con prodotti di tendenza ed economici – e qui c’è il secondo fattore. Con le sigarette elettroniche si sta meglio, si smette di fumare e inoltre si risparmia”.

kit sigaretta elettronica
kit sigaretta elettronica

La spesa, in realtà, non è leggerissima: 50 euro per il kit, che comprende un bocchino, un filtro ed una ricarica, cui ne vanno aggiunti suppergiù altri 20 al mese per i ricambi. “Sì, ma bisogna fare un conto generale – continua la negoziante -. Un fumatore medio, che consuma un pacchetto al giorno, arriva a spendere circa 130-140 euro mensili. E all’economia si aggiunge la salute: i nostri prodotti sfruttano lo stesso principio dell’aerosol. Non respiri catrame, non respiri i fumi della carta, puoi regolare la quantità di nicotina”.

“Terzo punto, è un’attività che è semplice avviare. Con una cifra tra i 13.000 e i 15.000 euro si apre un negozio, ed il passaparola fa il resto”. In effetti, il negozio della signora Barbara è decisamente trafficato.

Sigaretta elettronica
Sigaretta elettronica

È presto fatto, la sigaretta elettronica è moda, come tutto quello che profuma di vizio accompagnato ad una spruzzata di salutismo. La sigaretta elettronica la fumava Johnny Depp su un treno superveloce in compagnia di una conturbante Angelina Jolie (The Tourist, 2010), e in tutto il mondo inizia ad essere diffusa. Conclude infatti la commerciante: “Quando ho deciso di infilarmi in questo settore, ho fatto un po’ di ricerche. A convincermi definitivamente è stata mia zia, che vive a Los Angeles. Le chiesi: ‘Ma da te ce ne sono? Ne girano?’. Mi ha risposto: ‘Se ne girano? Vi svegliate tardi, voi italiani. Qui la sigaretta elettronica è glamour!’. In effetti, è più salutare, non sporca, non puzza e si può usare nei luoghi pubblici. Qualcuno mi dice di stare attenta, che è un business destinato ad esaurirsi. Ma secondo me prenderà piede, basta vedere quanta concorrenza abbiamo già”.

U. Mangiardi@mole24.it

Commenti

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here