Home Territorio L’Armageddon in diretta da Torino.(Solo che non ci han detto su quale...

L’Armageddon in diretta da Torino.(Solo che non ci han detto su quale canale)

93
SHARE

Questo è il classico articolo che potrebbe iniziare con un sempre d’effetto non tutti sanno chè “.

Scomodate Bruce Willis, Lyv Tyler e Ben Affleck perchè, mai ci fosse un’altra emergenza Armageddon, potrebbero esser convocati qui a Torino per salvare la Terra da una fine certa.

Quando me l’han detto la prima volta non ci volevo credere nemmeno io eppure, strano ma vero, nascosto sotto la chiesa di Santa Maria al Monte, quella che tutti i torinese chiamano amichevolmente I Cappuccini, si nasconde un laboratorio scientifico quasi segreto che studia i meteoriti.

Togliete quell’espressione incredula dalla faccia perché è proprio così.

E la cosa non è, poi, così segreta come state pensando.

Tra il mese di Dicembre 2009 e il Marzo 2010 al Museo di Scienze Naturali si tenne una mostra a tema Meteoriti. Le pietre del cielo, così chiamate, facevano bella mostra di loro in Via Giolitti attirando un numero non poi così alto di spettatori curiosi.

Eppure, proprio lì scritto a caratteri cubitali nel programma generale, il nostro laboratorio segreto veniva nominato.

Monte Cappuccini Torino
Monte Cappuccini Torino

Martedì 16 febbraio 2010, conferenza “Il Laboratorio per lo studio delle meteoriti sotto il Monte dei Cappuccini: un’eccellenza nascosta”.

E sì che è nascosta questa eccellenza!

A 45-70 metri sotto terra lavora dal 1962 una delle stazioni del IFSI, sigla che sta per Istituto di Fisica dello Spazio Interplanetario.

E’ lì che si conducono studi sulla radioattività dei meteoriti e si cercano relazioni tra la Terra e il Sole studiando i sedimenti marini.

L’Istituto se ne sta lì, nelle gallerie del Monte che in totale son lunghe 90 metri, larghe 3 e alte poco meno di 2.

Una storia strana quella del Monte dei Cappuccini e della sua Chiesa. Da luogo di culto di frati lì sepolti, a rifugio durante la Seconda Guerra Mondiale; da osservatorio di stelle dalla splendida terrazza panoramica a sala d’attesa di meteoriti che per fortuna tardano ad arrivare.

Siamo in ottima compagnia.

Laboratori analoghi si nascondono sotto il Gran Sasso e sotto il Monte Bianco.

Ne parla nel libro “i segreti di Torino sotterranea”, edizioni il Punto. Ne fa un accenno il famoso Tour della Torino Magica, quando ci si trova a pochi metri dalla Chiesa della Gran Madre di Dio.

E’ dagli anni ’60 del XX secolo che la città ospita questo centro, fondamentale nella collaborazione internazionale tra Italia, Unione Sovietica e Stati Uniti.

Senza dubbio perfetto come tappa per uno dei più famosi tour d’incoming torinesi, alle richieste di visita all’interno la risposta dal laboratorio è sempre la stessa: NO!

Rimarrà quindi un quasi mistero, un po’ come gli studi che all’interno conducono: nuclidi cosmogenici e variazioni dell’attività solare e datazioni di reservoirs terrestri, relazioni Terra-Sole e paleoclimatologia.

Irene Perino

Commenti

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here