Home Spor-to E adesso sotto ai viola

E adesso sotto ai viola

3
SHARE
Risposta Juve al Napoli
Risposta Juve al Napoli

Si era fatto un gran parlare, prima della partita, di come il Chievo nelle ultime stagioni fosse  la bestia nera della Juventus, per quanto la squadra di Verona negli ultimi 3 anni fosse riuscita ad imporsi una sola volta a fronte di restanti  pareggi.

Forse questo tormentone giornalistico , che capeggiava su tutte le prime pagine delle principali testate giornalistiche della scorsa settimana, non era del tutto fuori luogo, se per bestia nera s’intendeva il portiere dei clivensi, ed ex  giocatore granata dell’era Cimminelli, Stefano Sorrentino.

L’estremo difensore è stato insuperabile, opponendosi a tutto e tutti, fino al 64′ della partita, prima di scontrarsi contro il fenomeno Quagliarella.

La prima Juve dell’anno senza Andrea Pirlo in cabina di regia però è riuscita a dare  un’altra dimostrazione di forza e compattezza davanti ai  soliti 40.000 tifosi dello Juventus stadium.

Pogba juventus
Pogba

Pogdgba esordiente davanti alla difesa,  probabilmente viene ancora rimpianto a Manchester , sponda United.

 

Ieri sera, il francesino,  non ha giocato  la sua miglior partita, neanche paragonabile ad  Andrea – da Brescia – Pirlo . Ma ricordiamoci che il giocatore   è solo  un classe ’93  ed in giro per l’Europa non se ne sono ancora visti calciatori che  alla stessa età mostrino  tale personalità e margini di miglioramento.

Insomma, per essere stato l’esordio da titolare , Pogba se l’è cavata discretamente, rivelandosi un’ottima seconda scelta  per il proseguo della stagione bianconera, che da qui a Natale giocherà quasi una partita ogni 3 giorni.

Fabio Quagliarella
Fabio Quagliarella

E’ servito un gol alla Quagliarella per battere Sorrentino

 

 

 

Le luci della ribalta però,  ieri sera, sono  state di nuovo tutte per lui: Fabio Quagliarella.

Dopo il gol in Champions League  nella tana dei blues, partendo dalla panchina, la seconda punta bianconera non ha sprecato l’ocasione di ieri sera di partite titolare  al posto di Giovinco, mostrando a pieno tutto il proprio, vasto, repertorio.

Destro, sinistro, colpi di testa, dribbling nello stretto assist e acrobazie.

Già, è servita  una semi rovesciata all’altezza del dischetto del rigore per battere il portiere del Chievo, fino a que momento superlativo e protagonista della serata.

Antonio Conte box
Antonio Conte box

E adesso chi gioca con i viola?

 

 

 

 

Lasciando perdere la puerile polemica dell’allenatore della Fiorentina, se sia giusto concedere o meno a Conte  uno Sky box allo stadio Franchi di  Firenze ad Antonio Conte, la vera domanda è quale sarà la  squadra bianconero che mercoledì scenderà in campo, quantomeno in attacco

Se da una parte Quagliarella è in stato di grazia e Vucinic  è l’unico vero top player dell’attacco e che  per altro sta giocando molto bene,  Giovinco , Matri e Bendter non possono essere lasciati fuori senza perplessità.

La formica atomica, on è riuscita ad essere incisiva a Londra e a Genoa non h aabrillato più deii suoi compagni di reparto, ma non scordiamoci che ad Udine, contro la squadra di Guidolin, ha fatto molto bene.

Matri, continua ad essere un’incognita. Insomma, non è un fenomeno nè  un campionissimo, ma è un attaccante di razza di sicuro affidamento. L’anno scorso è stato il bomber della squadra arrivando a doppia cifra, e per quanto nel finale di stagione si sia pian piano spento, escludiamo posso avere avuto un’involuzione tale da non essere più nel radar di Conte.

Bendter ha giocato gli ultimi minuti contro il Chievo, troppo poco per darne un giudizio. Il trittico di partite, però,  che aspetta la Juve nei prossimi 10 giorni – contro Fiorentina, Roma e –  siamo certi  sarà un’ottima occasione per vedere di che pasta è fatta la punta  che Arsene Wengner non ha più voluto a Londra.

Commenti

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here