Home Cronaca di Torino Sull’acqua meglio Oxford o Cambridge? Oppure Torino?

Sull’acqua meglio Oxford o Cambridge? Oppure Torino?

21
SHARE
Rowing Regata Torino XVI
Rowing Regata Torino XVI

Il mondo cambia sempre più velocemente e radicalmente, ma, per fortuna, alcune cose rimango inalterate nel tempo. È il caso della regata Oxford-Cambridge, la più celebre e seguita gara di canottaggio del mondo, che si disputa annualmente tra gli equipaggi delle due università, acerrime rivali (sportive).

La prima discesa in acqua è datata 1829, vittoria di Oxford, ma solamente dal 1856 la competizione ha assunto cadenza annuale; in totale si sono svolte finora 158 edizioni ufficiali nelle quali i due equipaggi, composti da otto vogatori ed un timoniere, hanno battagliato sul Tamigi lungo un percorso composto da due anse di 6.799 metri (o, per dirla all’inglese, 4 miglia e 374 iarde). Cambridge è avanti 81 vittorie a 76 ed ogni anno la sfida si rinnova, in palio ci sono l’orgoglio, il senso di appartenenza ed un anno di sfottò da parte dell’avversario.

Tra le mille vicissitudini occorse in queste 158 edizioni (ammutinamenti, scontri tra imbarcazioni, ecc… per approfondimenti visitate il sito ufficiale www.theboatrace.org ), la regata del 2012 è stata una delle più drammatiche di sempre. Interrotta dopo otto minuti dalla partenza per il tuffo imprevisto di uno “striker”, sfuggito alle misure di sicurezza, la gara è poi ripresa, ma dopo nemmeno 35 secondi le due imbarcazioni si sono avvicinate un po’ troppo e uno dei vogatori di Oxford ha perso un remo.

Cambridge ha così trionfato con oltre quattro lunghezze di vantaggio, ma il pathos della giornata non era ancora finito: il vogatore di prua del team oxfordiano, infatti, ha accusato un malore dopo il traguardo, forse per l’eccessiva tensione, e si è accasciato privo di conoscenza sulla barca. Prontamente soccorso, è stato trasportato in ospedale, con gli avversari di Cambridge che hanno signorilmente preferito non festeggiare la loro vittoria. Gli highlights della Boat Race 2012 http://www.youtube.com/watch?v=ub-GMijQ08I

Ma anche a Torino scorre un fiume importante ed anche la nostra città ha una buona tradizione sia per quanto riguarda il canottaggio, sia per quanto concerne il prestigio delle sue università. Dunque, perché non istituire anche da noi una regata annuale tra i due atenei? Questo deve avere pensato il Presidente del CUS Torino, il Centro Universitario Sportivo torinese, che, nel 1997 ha creato dal nulla questa manifestazione in collaborazione con la Federazione Italiana Canottaggio e l’ASC Torino, e l’ha chiamata “Rowing Regatta”.

Sull'acqua meglio Oxford o Cambridge? Oppure Torino?

 

La sfida tra i due atenei Unito (facoltà umanistiche) e Polito (Politecnico) ha avuto subito un grande seguito, merito della formula adottata dagli organizzatori per invogliare i giovani a partecipare. Il periodo è sempre quello di inizio autunno (fine settembre, inizio ottobre), ancora ottimo per l’happy hour in riva ai Murazzi, vi sono prima alcune sfilate non competitive dei gruppi canottieri cittadini, poi la competizione in canoa K4 maschile tra Torino, Milano e Pavia, la gara del 4 di coppia femminile e, in tarda serata, accompagnata da un brillante spettacolo pirotecnico, è la volta dell’attesa regata dell’ otto con maschile tra Unito e Polito, da disputarsi sulla distanza sprint di 400m, da ponte Vittorio Emanuele I a ponte Umberto I.

Il livello tecnico degli equipaggi è sempre stato molto alto, annoverando i due atenei numerosi campioni italiani ed europei juniores, ma, al fine di stabilire un tramite con la ben più antica Boat Race, dal 2003 al 2008 è stato invitato anche il team di Oxford, terzo incomodo dell’evento, ma sempre relegato sul gradino più basso del podio.

Per la cronaca, dopo un inizio bruciante dell’Università che si è portata nel 2006 sul massimo vantaggio in fatto di edizioni conquistate (7 a 3), gli atleti del Politecnico hanno dato una grande prova di forza e hanno rimontato fino al 7 pari. La XV Rowing Regatta del 2011 ha visto però il nuovo sorpasso degli umanisti ai danni degli ingegneri di corso Duca, che, ne siamo certi, vorranno riprendersi la supremazia sulle acque del Po già da quest’anno, il 5 ottobre, segnatevi la data! (qui gli highlights del 2011 a partire dal minuto 8.02 http://www.youtube.com/watch?v=kHQeuqRWn68 )

 

Marco Parella

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here