Home Cronaca di Torino Torino: la seconda città d’Italia per numero di prostitute

Torino: la seconda città d’Italia per numero di prostitute

1939
SHARE

Secondo una recente indagine operata dalla Commissione Affari sociali della Camera dei deputati, a Torino vi sarebbe una concentrazione di prostitute pari al 21% del totale in Italia.

Medaglia d’argento alle spalle di Milano e hinterland con il 40%: addirittura il doppio. La stessa indagine rivela che il totale delle prostitute italiane corrisponderebbe a un numero compreso tra le 50.000 e 70.000 unità, di cui almeno 25.000 immigrati. Essendo dopo la “legge Merlin” una professione svolta in totale clandestinità, va da sé che un censimento preciso e dettagliato è pressoché impossibile.
Una così vasta concentrazione di prostitute nella sola città di Torino è visibile anche ad occhio nudo, senza bisogno di scomodare autorevoli statistiche.

Se non basta corso Massimo D’Azeglio, ormai sulla bocca di tutti e trasformato quasi in “corso delle prostitute” a causa della occupazione totale nelle ore notturne, l’elenco delle vie  sono sempre più numerose: corso Traiano, via Artom, via Onorato Vigliani, corso Unità d’Italia, la parte di corso Lecce in prossimità del parco Pellerina, corso Dante Alighieri e il quadrilatero limitrofo presso quartiere San Salvario fino a via Nizza e la stazione Porta Nuova, corso Regina Margherita nei pressi di Porta Palazzo.

Tutte accomunate da almeno una di queste caratteristiche: quartieri più degradati rispetto ai “salotti” torinesi, zone con scarsa illuminazione oppure vicinanza di parchi in cui appartarsi.

Torino: la seconda città d'Italia per numero di prostitute

Prostitute perlopiù provenienti dall’Africa e dall’Europa dell’est, accuratamente divise per nazionalità a spartirsi ordinatamente le zone.

I residenti convivono per abitudine cementata negli anni, ma ci sono altre realtà in cui il fenomeno del sesso a pagamento in strada sta prendendo piede da poco e non è visto di buon occhio dagli abitanti della zona, impegnati in segnalazioni ai consiglieri di Circoscrizione e in raccolte firme: un esempio è il cimitero Sassi, dove l’illuminazione è scarsa e le prostitute africane e italiane stanno sedute su grossi macigni nei pressi del ponte delle “cento lire”: loro, però, costano qualcosa in più.

Oppure Lungo Stura Lazio (di giorno zingare, la sera africane), via Reiss Romoli, e ancora via Botticelli, via Chambery e il tratto piazza Massaua-via Monginevro in zona Pozzo Strada.

Insomma, ce n’è per tutte le Circoscrizioni, esclusa ovviamente la Uno.

Raro vederle di giorno, ma nei pressi del parco Pellerina ci sono, a disposizione dei frequentatori diurni, purtroppo anche minorenni Rom e slave.

In corso Appio Claudio, da ovest verso est, si trovano rumene e marocchine, nella parallela via Nicola Fabrizi ucraine, russe e moldave: la vicinanza del parco e soprattutto del parcheggio di corso Appio Claudio facilita l’appartarsi per un veloce rapporto. I giovani under 30 invece preferiscono il giovedì sera, nei pressi delle Officine Grandi Riparazioni in corso Castelfidardo.

Impossibile stilare un profilo del “cliente tipo”, quel che è certo è che gran parte delle prostitute si trova sul marciapiede perché costretta. Solo a giugno  è stata sgominata una banda di undici rumeni e albanesi che gestiva un traffico di prostituzione minorile, un problema che sotto la Mole Antonelliana esiste da anni ma di cui raramente si parla.

La Redazione di Mole24

Commenti

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here