Home Cronaca di Torino Come cambia la Torino trasgressiva

Come cambia la Torino trasgressiva

2160
SHARE

Sono stati il sogno di intere generazioni di adolescenti.

I vecchi cinema vietati ai minori di anni 18, quelli con vetrine di dubbia pulizia e manifesti di film con titoli al limite dell’inverosimile linguistico, nei quali le pudenda dei protagonisti erano coperti da microscopiche stelline.

Poi è arrivato internet, che ha distribuito pornografia a vagonate e soprattutto gratuita a internauti di tutte le età (e questo, va detto, è un problema piuttosto serio per le nuove generazioni): inevitabile che questo genere di passatempo andasse in crisi e anche a Torino gli eroici cinema a luci rosse restano pochissimi casi isolati, come quello del Roma Blue di via San Donato, ancora aperto contro ogni difficoltà.

Come cambia la Torino trasgressiva

C’è però un ramo dell’industria del divertimento per adulti che è ben lungi dall’essere in crisi e che ha continuato la tradizione che i parigini conoscono molto bene: quella del Moulin Rouge, o in poche parole dello spogliarello.

Il centro di Torino, ma non solo il centro, è costellato di locali che propongono, nella migliore delle ipotesi, feste per addii al celibato piccanti.

Alcuni esempi: il celeberrimo Samara’s di via Camerana, che si autodefinisce il «Simbolo dell’erotismo di classe», il Crazy One di via Galliari, che promette baldanzosamente «Spettacoli non stop».

In via Garibaldi (numero 11 bis) c’è l’ingresso del Femina Bar, locale dotato di aggiornatissimo sito web (www.feminabar.com), che permette di visionare l’”offerta” in anteprima e di conoscere “La star della settimana”. Uscendo dal centro e andando verso nord come dimenticare il tempio della lap dance torinese, il Cebrosa Love di strada della Cebrosa 86.

Cercate qualcosa di più soft?

Potete spostarvi su quella che, complici anche i reality shows e le esibizioni in prima serata sembra diventato quasi un passatempo per novizi: il Burlesque, vera evoluzione della disciplina made in Mulin Rouge. Anche in questo caso non c’è che l’imbarazzo della scelta: suggeriamo di visitare un vero e proprio portale della categoria, il sito internet www.burlesquetorino.it.

 

A.B.

 

 

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here