Home Cronaca di Torino Un altro macabro mistero al cimitero Monumentale

Un altro macabro mistero al cimitero Monumentale

56
SHARE

Che al Cimitero monumentale di Torino sia possibile trovare un cadavere non è una notizia inaspettata.

C’è dell’incredibile tuttavia nei particolari di un ritrovamento avvenuto lo scorso 27 marzo nel più celebre camposanto all’ombra della Mole Antonelliana.

Durante i lavori di manutenzione e ristrutturazione del “Monumentale”, alcuni operai durante un’operazione di scavo nel terreno con mezzi pesanti, rinvengono un sacco di plastica sepolto a circa un metro e mezzo di profondità. Non serve aprirlo per capire che contiene dei resti umani.

Gli addetti alle operazioni di scavo intuiscono subito che quello che hanno trovato non dovrebbe essere lì e chiamano immediatamente i Carabinieri della Compagnia Oltredora che intervengono in fretta.

Il maggiore Isacchini al primo sguardo rimane ancora più sorpreso: il cadavere sbucato dal nulla e sepolto in fretta e furia è una donna e presenta i segni di un’autopsia, chiaramente visibile dall’incisione a Y con tanto di cuciture successive.

Viene quindi convocato, oltre al magistrato incaricato, anche il medico legale specializzato Roberto Testi che ha lunga esperienza in casi misteriosi.

Un altro  macabro mistero al cimitero Monumentale

Dopo un altro esame necroscopico, che conferma si tratti di una donna, spunta un nuovo dettaglio misterioso: quel corpo è senza vita da almeno 30 anni.

L’attività di scavo ed esumazioni viene interrotta e partono le prime ipotesi.

Per quanto questo ritrovamento sia probabilmente da collegare allo scandalo delle sepolture che in passato ha fatto indagare la magistratura e messo su il caso mediatico dei cimiteri torinesi, non si può comunque escludere la possibilità di un occultamento di cadavere, dovuto a chissà quali circostanze legate alla morte della donna che ad oggi, rimane ancora senza nome.

Ovviamente i segni dell’esame autoptico danno da pensare, dato che in Italia viene disposta un’autopsia solo quando ci sono dubbi sulla morte del soggetto e le forze dell’ordine informano i magistrati che prevedono a disporre accertamenti approfonditi. Che si venga a scoprire o meno il segreto dietro questa notizia di cronaca passata in sordina,

Torino resta sempre la città dei misteri.

La Redazione di Mole24

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here