Home Cronaca di Torino La solidarietà dei Lions per il Libano: apparecchiature elettromedicali per la Croce...

La solidarietà dei Lions per il Libano: apparecchiature elettromedicali per la Croce Rossa di Tyro

8
SHARE

Il Lions Club Rivoli Castello, l’Associazione Nazionale Alpini di Rivoli e l’Associazione Voltaire di Torino si sono resi promotori di una lodevole iniziativa in favore della Croce Rossa di Tyro in Libano, per la fornitura di materiale ed attrazzature mediche, con il sostegno della ditta Progetti S.r.l. Di Trofarello.

La raccolta di materiale umanitario nasce da un’esigenza reale da parte della Croce Rossa libanese, il che ha conferito al tutto un carattere di tempestività ed urgenza, trovando il pieno appoggio dei soggetti coinvolti, , nonstante il momento di crisi e la congiuntura economica negativa, come raccontano i presidenti delle due associazioni Carolina Pettiti del Lions Club Rivoli Castello e Carlo Cattaneo dell’Associazione Nazionale Alpini di Rivoli:

“Abbiamo ricevuto da parte del Col. Giuseppe Bosco, Comandante del 1° Reggimento di Manovra di Rivoli, attualmente impegnato nella missione UNIFIL in Libano, una richiesta di apparecchiature elettromedicali per la Croce Rossa di Tyro.

In virtù del rapporto di amicizia che lega le nostre Associazioni al 1° Reggimento di Manovra, abbiamo deciso – pur in un momento congiunturale difficile – di impegnarci per rispondere alla richiesta in tempi brevi”.
Al seguito delle due associazioni si sono prontamente mobilitate l’Associazione Voltaire di Torino, specialzzata in iniziative con finalità filantropiche e la ditta Progetti S.r.l. Di Trofarello, specializzata nella forniture di apparecchiature elettomedicali.

Dalla sinergia di questi soggetti è così partita una collaborazione istantanea che ha portato alla consegna presso la Croce Rossa di Tyro, in Libano, di preziose attrezzature mediche da installare sulle autoambulanze e da usare in ambulatorio. .

La solidarietà dei Lions per il Libano: apparecchiature elettromedicali per la Croce Rossa di Tyro

La Croce Rossa di Tyro si era occupata di prestare le prime cure ai soldati italiani rimasti feriti in un attentato contro un convoglio italiano, a seguto di un’esplosione nei pressi della città di Sidone il 27 maggio 2011 .

Per la consegna, che si inserisce nell’ambito delle attività di cooperazione civile militare la Joint Task Force Lebanon – Sector West, è stata organizzata una cerimonia che ha visto presenti il Presidente della Croce Rossa di Tyro, sig.ra Mouzayane Siklaoui Ajami, il Comandante del Joint Task Force Lebanon Sector West HQ Generale di Brigata Gaetano Zauner ed il Col. Giuseppe Bosco (Comandante del 1° Re.Ma.) insieme al Cap. Marco Pastore e al 1° Mar. Lgt. Antonio Chiariello in rappresentanza del 1° Reggimento di Manovra di Rivoli.
Nello specifico sono state messe a disposizione le seguenti apparecchiature:
 1 ventilatore polmonare portatile (adulto bambino neonato)
•1 monitor funzioni vitali
•1 defibrillatore semiautomatico esterno
•1 aspiratore chirurgico elettrico portatile
•1 kit stecca per fratture
•1 pulsossimetro
•1 misuratore pressione arteriosa
Il progetto si inserisce nelle attività di cooperazione civile e militare messe in campo dalla missione UNIFIL, per il miglioramento delle condizioni di vita della popolazione nel sud del Libano, dove opera il contingente italiano, a seguito della Risoluzione ONU 1701.

L’UNIFIL è l’acronimo di United Nations Interim Force in Lebanon, ovvero Forza di Interposizione in Libano delle Nazioni Unite e si occupa della gestione della situazione susseguente al termine del conflitto israelo libanese del 2006 sotto la guida, dal gennaio 2012, del generale italiano Paolo Serra.

 

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here