Home Cronaca di Torino Torino: i musei che non passano di moda

Torino: i musei che non passano di moda

19
SHARE

Nel 2011 si è verificato un buon incremento delle visite nei musei torinesi in rapporto all’anno precedente.

Merito dell’aumento del turismo, probabilmente anche di Italia 150, o ancor più delle mostre allestite all’interno dei musei stessi.

E’ eclatante, ad esempio, il dato della Reggia di Venaria, che ospita tradizionalmente mostre itineranti: nell’anno precedente è stato il primo museo della provincia di Torino in quanto a numero di visite, con un incremento addirittura del 57,4% rispetto al 2010.

Il Museo Egizio si trova soltanto al terzo posto di questa classifica, alle spalle anche del Museo Nazionale del Cinema allestito all’interno della prestigiosa cornice della Mole Antonelliana.

Torino: i musei che non passano di moda

Sono stati quasi 850.000 i visitatori della Reggia di Venaria nell’anno 2011, ben 200.000 in più dei turisti o residenti accorsi al Museo del Cinema, che a sua volta ha staccato di circa 30.000 unità il Museo Egizio e di 40.000 unità Palazzo Reale. Al quinto posto Palazzo Madama, che ospita il Museo civico di Arte antica.

Ecco la classifica completa del 2011, con il raffronto rispetto all’anno precedente:

1) Castello Reggia di Venaria 848.026 visitatori (+57,4% rispetto al 2010)
2) Museo Nazionale del Cinema 608.451 (+7,5%)
3) Museo Egizio 577.037 (+0,1%)
4) Palazzo Reale 296.601 (+44,9%)
5) Palazzo Madama 255.493 (+37,2%)
6) Museo Nazionale dell’Automobile 221.152 (era chiuso nel 2010)
7) Museo Nazionale del Risorgimento 203.520 (era chiuso nel 2010)
8 ) Museo Regionale Scienze Naturali 183.285 (+49,3%)
9) Castello di Racconigi 174.413 (-4,6%)
10) Castello di Rivoli 100.062 (+4,7%).

Oltre al dato della Reggia di Venaria, balzano subito agli occhi i tutt’altro che banali incrementi di visite presso Palazzo Reale e Palazzo Madama, il primo visitabile solo parzialmente e tramite visite guidate, famoso per l’Armeria Reale e la Biblioteca Reale situate in un’ala del palazzo e aperte da martedì a domenica dalle ore 8.30 alle 19.30; il secondo ospita ai piani superiori il Museo civico di Arte moderna con sculture antiche, una pinacoteca e una vasta raccolta di porcellane: è visitabile dal martedì al sabato dalle 10 alle 18 e la domenica dalle 10 alle 20.

Ha superato i 550.000 visitatori annuali il Museo Egizio, nonostante l’incremento pressoché nullo rispetto all’anno precedente: il secondo museo egizio più importante del mondo, dopo quello del Cairo, si trova in via Acccademia delle Scienze 6 ed è visitabile dal martedì alla domenica dalle 8.30 alle 18.30.

Torino: i musei che non passano di moda

Graditi ritorni nel 2011 quelli del Museo dell’Automobile, unico del genere in Italia, che si trova in corso Unità d’Italia 40 ed è aperto il lunedì dalle 10 alle 14, il martedì dalle 14 alle 19, il martedì, giovedi e domenica dalle 10 alle 19 e il venerdì e il sabato dalle 10 alle 21, e del Museo del Risorgimento, suddiviso in 30 sale in cui si potranno ammirare 2.400 pezzi degli oltre 50.000 conservati, che si trova all’interno di Palazzo Carignano in via Carlo Alberto 8 ed è visitabile dal martedì alla domenica dalle 10 alle 19.

Da non sottovalutare il grande incremento di visite del Museo di scienze naturali, che si trova in via Giolitti 36 ed ospita anch’esso mostre itineranti: è aperto tutti i giorni dalle 10 alle 19, tranne il martedì.

Il museo più visitato nel 2011 all’interno della città è stato però quello del cinema, che ha superato il Museo egizio: un percorso espositivo di 3200 metri quadri distribuiti su cinque piani, presenta attrezzature cinematografiche antiche e moderne, manifesti e pellicole, pezzi provenienti dai set dei primi film italiani ed altri cimeli nazionali e internazionali. Aperto da martedì a domenica dalle 9 alle 20 (sabato chiusura posticipata alle 23), il Museo nazionale del Cinema si trova in via Montebello 20, all’interno della Mole Antonelliana.

 

La Redazione di Mole24

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here