Home Cronaca di Torino Crisi: Caselle non resta a terra

Crisi: Caselle non resta a terra

266
SHARE
Caselle combatte la crisi con i Low Cost
Caselle combatte la crisi con i Low Cost

La crisi rallenta ma non ferma Caselle.
L’aeroporto torinese a marzo ha fatto registrare un calo del 2.7 % rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, secondo quanto riportano le cifre fornite da Sagat.

«Tra le principali cause di questa flessione si contano la crisi economica, gli scioperi che hanno interessato alcuni scali europei e le eccezionali nevicate che hanno investito l’Europa», spiegano dall’aeroporto torinese, che comunque continua a vantare numeri importanti. Infatti, a fronte di un calo del 7% nei voli nazionali (141 mila passeggeri) da Torino si sono imbarcati, o sono atterrati, 95 mila passeggeri stranieri, in aumento del 2% sul 2011.

Continua comunque la crescita delle low cost, se si pensa che l’explot migliore appartiene alla tratta Torino-Brindisi di Ryanair, con un aumento del 27%, seguito dal Torino-Napoli di Alitalia e Air Italy (+6%).

Fra le destinazioni straniere, ancora Ryanair a giocare la parte del leone: i voli più richiesti sono stati Londra (+14%), Bruxelles Charleroi (+11%), Madrid (+7,5%) e Barcellona Girona (+7%) tutte operate da Ryanair.

Crisi: Caselle non resta a terra

Buono l’esordio del Torino-Istanbul, operato da Turkish Airlines, che a febbraio ha trasportato circa 1.400 persone mentre la prima compagnia dello scali si conferma Alitalia, che ha comunque subito una flessione non indifferente: -4.5% rispetto allo stesso periodo del 2011.

Va detto che questa fase dell’anno è senz’altro la più difficile e che Torino sconta la fine di un periodo di grande turismo, in occasione dei 150 anni dell’Unità D’Italia: lo scorso anno i numeri erano stati altissimi, con crescite a fine estate attestatesi sull’8 per cento per i voli nazionali e quasi il 20 su quelli stranieri, rispetto al 2010.

Il 2011 è stato un anno molto positivo che ha generato, secondo i dati di Sagat, un utile netto di 3.55 milioni di euro (comunque in lieve calo rispetto al 2010) ma soprattutto il record assoluto di passeggeri nella storia dell’aeroporto “Sandro Pertini”: 3 milioni e 700 mila persone.

Terminata la stagione invernale, l’aeroporto guarda all’estate: decollerà il prossimo 3 giugno il primo volo Torino-Lisbona, operato dalla compagnia portoghese Tap, che sarà operativo per 4 giorni a settimana, mentre per i passeggeri a terra è stata inaugurata, e prosegue fino al 15 maggio, in occasione del Salone del Libro del Lingotto, la mostra “1988-2012. L’Italia dei Libri: i Grandi Libri dei 25 anni del Salone”, allestita al Terminal partenze.

L’idea di portare i libri in aeroporto è nata dal Salone, dall’Assessorato alla Cultura della Regione Piemonte e dalla Sagat,

«Per accogliere i viaggiatori in transito dall’aeroporto con uno fra i biglietti da visita più prestigiosi e caratterizzanti di Torino e del Piemonte: il libro». In attesa dell’imbarco, i viaggiatori potranno rivivere le emozioni di parte della mostra, allestita lo scorso anno all’Oval in occasione del Salone, dedicata alle opere più importanti della cultura italiana: le opere scelte per Caselle sono proprio quelle relative agli ultimi 23 anni, scanditi dalla presenza del Salone torinese.

A. B.

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here