Home Cronaca di Torino Porta Nuova, Porta Susa e Lingotto: ecco come cambierà il traffico ferroviario...

Porta Nuova, Porta Susa e Lingotto: ecco come cambierà il traffico ferroviario a Torino

526
SHARE
Tempo di lettura: 2 minuti

Quale sarà il futuro delle stazioni ferroviarie torinesi?

Se lo chiedono un po’ tutti, anche alla luce delle trasformazioni urbanistiche che sono in corso all’ombra della Mole.

Partiamo dall’unico dato certo. Senza tema di smentita infatti possiamo dire che la stazione centrale diventerà Porta Susa.

La nuova struttura in vetro e acciaio, degna di una grande metropoli europea, sarà lo scalo principale per Torino. Baricentrica, posta sull’asse del passante ferroviario e già attrezzata per l’alta velocità diventerà la porta di ingresso alla città per chi vi arriva in treno.

Appare ,invece, più incerto il futuro delle altre stazioni, Porta Nuova in primis.

Porta Nuova, Porta Susa e Lingotto: ecco come cambierà il traffico ferroviario a Torino

Fino a pochi anni fa si pensava che la storica stazione torinese dovesse diventare un guscio vuoto, magari utile per sistemarci qualche museo.

Poi Grandi Stazioni ha investito diversi milioni di euro per riqualificarla ed attualmente la stazione somiglia molto a Milano Centrale o a Roma Termini con negozietti e addirittura un supermercato cui nel prossimo anno si aggiungerà un parcheggio sotterraneo. Difficile quindi che i binari possano scomparire del tutto.

Pochi mesi fa qualcuno si era spinto ad ipotizzare una Porta Nuova a mezzo servizio, destinata al traffico regionale.

Porta Nuova, Porta Susa e Lingotto: ecco come cambierà il traffico ferroviario a Torino

L’idea, buttata lì senza tante pretese di scandalo dall’ad di Trenitalia Mauro Moretti, aveva invece scatenato una corsa ad immaginare scenari futuri e futuribili.

Correlato:  Fornaca e Molinette, eccellenza dell'eccellenza

C’è chi, i giornali e gli organi di informazione soprattutto, si sono spinti ad immaginare un nuovo quartiere tra San Salvario e San Secondo da sempre separati dalla strada ferrata fatto di nuovi insediamenti, boulevard giganteschi, aree verdi.

Per il momento Porta Nuova resta uno scalo importante per la città.

Soltanto quando Porta Susa funzionerà a pieno regime sarà possibile ragionare a bocce ferme sul futuro della storica stazione.

Porta Nuova, Porta Susa e Lingotto: ecco come cambierà il traffico ferroviario a Torino

Un capitolo a parte merita la stazione Lingotto passata dall’essere la futura stazione centrale ad uno scalo di cui si fatica ad immaginare una destinazione d’uso.

Giocano a sfavore soprattutto la posizione, la lontananza dalla linea Uno del metrò, l’assenza di parcheggi e di mezzi pubblici che la colleghino agevolmente al centro.

Anche per Lingotto si ipotizza il transito del traffico prettamente locale e regionale ma non è da escludere nemmeno l’integrazione nel cosiddetto sistema ferroviario metropolitano che dovrebbe fare della rete ferroviaria una rete di trasporto pubblico aggiuntiva.

 

La Redazione di Mole24



Commenti

SHARE