Home Cronaca di Torino Il caffè espresso: un’invenzione made in Torino

Il caffè espresso: un’invenzione made in Torino

3255
SHARE
invenzione caffè espresso Torino
invenzione caffè espresso Torino

Chissà quante volte vi sarete domandati, davanti ad una fumante tazzina di caffè espresso, dove, come, quando e per opera di chi sia stato inventato il modo di prepararlo.

E la risposta, per noi torinesi, è più vicina di quanto possiamo credere perché il caffè espresso è nato proprio all’ombra della Mole per impulso di un intraprendente torinese, Angelo Moriondo.

L’invenzione del caffè espresso, se così possiamo chiamarla, non è dovuta alla scoperta di una particolare miscela o di una speciale e fino ad allora sconosciuta varietà di caffè, ma all’invenzione della macchina per produrlo.

Il caffè espresso: un'invenzione made in Torino

Moriondo strabiliò i tanti visitatori dell’Esposizione Generale nel 1884 preparando caffè all’istante con la sua macchina. Nella “caffettiera” ideata dall’inventore torinese l’acqua veniva portata ad ebollizione e, attraverso un sistema di serpentine, fatta passare fino a raggiungere il contenitore del caffè torrefatto.

L’acqua veniva così portata in pressione per preparare il caffè molto più rapidamente, da qui la definizione di “espresso”.

Uno stratagemma che permette di ottenere un caffè più concentrato, nel quale sono condensati tutti gli aromi e i profumi della miscela che si accumulano nella parte più cremosa dell’espresso.

L’anno successivo Moriondo brevettò nuove implementazioni del prodotto ed ottenne il brevetto internazionale.

Agli inizi del ‘900 il milanese Luigi Bezzera perfeziona la macchina del Moriondo e ne brevetta le innovazioni.

Il caffè espresso: un'invenzione made in Torino

La serie di brevetti verrà acquistata nel 1905 da un altro milanese, Desiderio Pavoni che fonderà la ditta “La Pavoni” e inizierà a produrre in serie – al ritmo di una al giorno – le macchine in una piccola officina di via Parini.

Negli anni le macchine da caffè sono diventate sempre più sofisticate ma il meccanismo che sta alla base è sempre quello inventato nella Torino di fine Ottocento da Moriondo. Una tecnologia di cui si servono anche i distributori automatici che troviamo nei luoghi pubblici.

La prossima volta che berrete un caffè espresso, sia esso preparato al bar, da un distributore automatico o con le macchinette a casa vi sarà impossibile considerarla una semplice bevanda. In quei pochi millilitri di caffè che molti di noi consumano regolarmente è racchiuso anche un pizzico, non indifferente, di torinesità.

La Redazione di Mole 24

Commenti

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here