Home Cronaca di Torino Cosa succede in Barriera di Milano?

Cosa succede in Barriera di Milano?

2248
SHARE

Una domanda tanto semplice quanto, in realtà, per nulla scontata.

Barriera di Milano è forse il quartiere più contradditorio di Torino. Cesare Pavese definiva il mercato di Porta Palazzo la “quintessenza del dialetto torinese”, mentre oggi la zona del Balon è divenuta pericolosa e priva di interesse.

Almeno, questo è ciò che pensano in molti, soprattutto quelli che non conoscono realmente Barriera di Milano.

Un angolo di città che certamente ha cambiato volto nel corso degli anni e l’immigrazione ha pesantemente contribuito a tutto ciò, nel bene e nel male. E sotto molti di punti di vista, è senza dubbio una zona che va riqualificata.

Con questo obiettivo nasce “Cosa succede in Barriera?”. E’ il nome dell’iniziativa ideata dal Comitato Urban Barriera al fine di promuovere e sostenete progetti che abbiano come finalità quella di favorire la cultura e l’integrazione sociale in una zona difficile e complessa come il quartiere Barriera di Milano.

Quella Barriera, nonostante tutto, troppe volte bistrattata e considerata luogo da evitare, realtà cittadina senza sbocchi e risorse.

Ma la realtà dice qualcos’altro: è necessario andare oltre con lo sguardo e fissarsi su quegli angoli di quartiere dove nascono e si formano artisti, progetti sociali e piani di riqualificazione, per offrire soprattutto ai più giovani un luogo che garantisca un futuro.

Cosa succede in Barriera di Milano?

Non sono molti i programmi come quello promosso da Urban Barriera: un bando che finanzierà un certo numero di attività, per un totale di 120 mila euro, che dovranno andare formare un calendario di eventi i quali si volgeranno all’interno del quartiere e più precisamente nel territorio di competenza del comitato: un perimetro delimitato da corso Venezia ad ovest, via Sempione a nord, via Bologna ad est e corso Novara e corso Vigevano a sud. Le proposte dovranno dunque parlare di progetti che ricadano geograficamente in quest’area.

Possono partecipare al bando tutte le associazioni cittadine e il valore del singolo piano non deve superare i 12 mila euro. Il concorso scade il 15 marzo.

Ciò che si vuole realizzare è una rete di contatto, attraverso eventi culturali e sociali, fra i cittadini per poter offrire nuove opportunità di impiego degli spazi pubblici e del tempo. Una rete che sia in grado di accogliere e mettersi a disposizione della collettività, che favorisca lo scambio di informazioni e che sia sostenibile nel tempo.

Ma soprattutto, intento principale del bando “Cosa succede in Barriera?” è di promuovere l’integrazione fra le diverse comunità e dare un nuovo volto a Barriera di Milano.

Perché finalmente si possa parlare di un quartiere vivo e ricco di risorse. Perché Barriera di Milano possa diventare un luogo partecipato e vissuto, che non incuta più timore ma invece ispiri gioia di vivere e arte. E che magari un giorno, possa essere la quintessenza del mix di culture torinesi.

M.Ceste

 

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here