Home Cronaca di Torino Panchine – biblioteche: un esperimento fallito in piazza Carignano

Panchine – biblioteche: un esperimento fallito in piazza Carignano

108
SHARE

Prendete una delle piazze più belle di Torino, piazza Carignano e immaginate di sedervi a leggere un buon libro riscaldati dal calore primaverile o dal tiepido sole invernale.

Un libro che magari avete preso in loco, estraendolo dalla panchina stessa. Ecco, questa forse è l’idea che deve essere venuta a chi ha pensato bene di installare nell’aulico salotto del centro città panchine con annessi contenitori per libri e riviste. I libri e le riviste però in piazza Carignano non si sono mai visti.

I rifiuti in compenso si. I due serbatoi posti accanto alle panchine – già additati da molti come una bruttura e come un pugno nell’occhio in quella piazzetta che sembra appartenere ad un tempo lontano – sono infatti diventati collettori di ogni sorta di schifezza.

L’inciviltà che non si concede mai un giorno di riposo ha pensato di riconvertire in fretta quei due serbatoi squadrati posti ai lati della seduta in cestini dei rifiuti.

Panchine - biblioteche: un esperimento fallito in piazza Carignano

Cartacce, mozziconi di sigaretta, resti di gelato, fogli di giornale e chi più ne ha più ne metta.

Basta alzare il coperchio dei due contenitori per restare sgomenti di fronte all’incuria che regna nel pieno centro cittadino.
Tramontata l’idea della biblioteca da panchina la seduta è rimasta li, ai piedi della statua di Gioberti con l’unica funzione di offrire un po’ di relax ai tanti turisti che visitano Torino.

I due serbatoi restano lì a collezionare rifiuti come un monito a non tentare più idee così audaci per una città che forse non è ancora pronta per certe “innovazioni”.

In molti, fra i torinesi, preferirebbero però un altro tipo di seduta, più consona al contesto della piazza su cui si affacciano eleganti palazzi, il teatro e il palazzo Carignano. Le vecchie panchine verdi non vanno più di moda?

LA Redazione di Mole24

Commenti

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here