Home Cronaca di Torino Quando al monte dei Cappuccini si sciava

Quando al monte dei Cappuccini si sciava

30
SHARE

C’è stato un tempo in cui le bianche piste del Sestrière, di Pragelato e Bardonecchia erano riservate a pochi eletti.

In quel tempo i torinesi che amavano sciare e non potevano raggiungere le montagne avevano un posto speciale per assecondare la propria passione, il monte dei Cappuccini.

A guardare oggi le pendici del monte non sembra possibile che poco più di mezzo secolo fa ci fosse una pista da sci.

Troppi alberi e troppo ravvicinati, più un pericolo che un divertimento.

Eppure l’immagine recentemente scoperta negli archivi della Città rivela che proprio lungo quelle pendici era abitudine, dopo le nevicate abbondanti, dedicarsi ad una sciata in compagnia.

Non si trattava ovviamente di una pista attrezzata, skilift e impianti di risalita erano del tutto sconosciuti.

Era più che altro una pista di fortuna, a portata di mano e accessibile a tutti coloro che non potevano permettersi la settimana bianca sulle montagne e nelle località sciistiche piemontesi.

Torino quando al monte dei Cappuccini si sciava

Bastava un’intensa nevicata che depositasse a terra uno strato abbastanza spesso di neve e i torinesi correvano ai propri sci artigianali.

Partendo dal piazzale della chiesa di Santa Maria del Monte gli sciatori urbani si lanciavano lungo le ripide pendici del monte.

Un tratto breve, ben diverso dalle piste sciistiche vere e proprie, che però poteva offrire l’ebbrezza di una discesa con l’indiscutibile vantaggio di essere anche vicini a casa.

Il passatempo divenne sempre meno popolare con l’andare degli anni e le pendici del Monte dei Cappuccini divennero un boschetto poco utilizzato se non, negli ultimi decenni, come parco per portarvi a spasso i cani.

Quello che rimane di quel tempo sono le fotografie ingiallite che ritraggono torinesi divertiti e sorridenti che scendono sui loro sci, con tanto di cani al seguito.

La Redazione di Mole 24

Commenti

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here