Home Territorio I portici di Torino: 18 km di arte e bellezza

I portici di Torino: 18 km di arte e bellezza

23003
SHARE
Tempo di lettura: 2 minuti

Uno dei simboli della nostra città sono gli spettacolari portici di Torino

Chiunque sia passato dalla nostra città non può non rimanere affascinato dai portici di Torino. Oltre 18 chilometri di portici che invadono in particolare il centro storico: la loro bellezza e continuità ne fanno un particolare architettonico unico nel suo genere.

Certamente Torino non è l’unica città d’Italia a potersi vantare di questo elemento architettonico, non dimentichiamoci infatti Bologna. La città sabauda è la sola in cui queste strutture prendono il sopravvento sul suo impianto urbanistico

I portici di Torino ampi, luminosi e, diciamola tutta, molto eleganti hanno infatti donato al capoluogo piemontese l’appellativo di città salotto. Una definizione dovuta alle sue vie e piazze storiche, dove si può passeggiare con calma godendo del riparo degli antichi portici.

Torino ed i suoi 16 km di portici

La città conosce il primo portico fin dal Medioevo, la famosa piazza delle Erbe ora piazza Palazzo di Città. Ma solo dall’inizio del ‘600 questo diventa un elemento rilevante all’interno del tessuto cittadino. Sotto il progetto di Ascanio Vitozzi troviamo infatti i portici di Piazza Castello che ne circondano tre dei quattro lati.

I più antichi sono quelli sui lati di via Garibaldi, solo alla metà del XVIII secolo risalgono invece quelli dal lato di via Po e del Giardino Reale.

Correlato:  Università, Torino città di studi: saranno aperti dieci nuovi campus

Non dimentichiamoci poi di Piazza San Carlo (1630-1650) progetto degli architetti Carlo e Amedeo di Castellamonte, i portici del Juvarra nel quartiere di Porta Susina e nella piazzetta del mercato di Porta Palazzo.  Nel 1756 Benedetto Alfieri riprende invece il progetto dei nuovi portici sulla piazza Palazzo di Città.

Nell’800 si aggiungono infine quelli del la famosa Piazza Vittorio Veneto, Piazza Carlo Felice e infine Piazza Statuto.

Il tutto è incorniciato dai portici di via Po, di corso Vittorio Emanuele e di corso Vinzaglio, di via Sacchi, via Nizza, via Roma, via Cernaia e via Pietro Micca. Queste vie costituiscono un enorme anello pedonale che congiunge le due stazioni principali di Torino, Porta Nuova e Porta Susa.

Torino ed i suoi 16 km di portici

Oggi i portici non sono solo un elemento funzionale della città

Infatti, permettono ai passanti di camminare per ore interrottamente senza bagnarsi mai sotto la pioggia. Ma non solo: permettono anche di rimanere riparati dal caldo sole estivo. Inoltre, sono anche il fulcro della vita pubblica e privata torinese. Contornati dai dehors, dagli accessi agli edifici, dalle bancarelle, dal fluire della gente davanti alle vetrine dei negozi. La città e i passanti sono accolti da questi particolari elementi, dalle loro volte e dai soffitti decorati e dai richiami pittoreschi delle insegne commerciali.

Una piccola curiosità: percorrendo via Po da Piazza Castello verso Piazza Vittorio si può notare come i portici sul lato sinistro non subiscono alcuna interruzione in prossimità degli incroci con le vie perpendicolari. Ciò che invece succede sul lato destro.

Correlato:  C'era un tempo in cui i tram transitavano su via Garibaldi a Torino...

Questo è determinato da un motivo alquanto interessante: fu infatti il re Vittorio Emanuele I di Savoia a dare questo ordine. Questo per far sì che la famiglia reale non si bagnasse sotto la pioggia mentre si recava dal Palazzo Reale alla vicina Chiesa della Gran Madre.

Umberta Pansoya



Commenti

SHARE