Home Enogastronomia Torino ed i take away

Torino ed i take away

8
SHARE
Torino ed i take away
Torino ed i take away

Sarà capitato a tutti, almeno una volta nella vita, di tornare a casa dopo un’intensa giornata di lavoro e trovare il frigo desolatamente vuoto, oppure di non avere la minima voglia di mettersi ai fornelli. Fino a non molti anni fa la soluzione era la pizza d’asporto o il take away cinese.

Oggi invece il take away è diventato una moda, sicuramente un’abitudine consolidata anche per molti italiani e la scelta di cibi da portare  a casa è davvero sterminata. Per i più sofisticati e per quelli che non si accontentano ci sono anche i cuochi a domicilio. Li contatti su internet, vengono a casa tua e in pochissimo tempo di confezionano una cena da gourmet.

Usanze che strizzano l’occhio a diversi paesi dell’Europa o del mondo, Usa in testa, dove la cucina a domicilio e il take away sono da anni piacevoli abitudini ormai consolidate.

A Berlino, una delle capitali più eterogenee e cosmopolite del Vecchio continente, si può ordinare da casa qualsiasi tipo di cibo, soprattutto etnico.

Lo stesso avviene con piccole variazioni sul tema in altre capitali e metropoli, da Londra a New York, da Madrid a Tokio.

E Torino? Da anni la città ha cambiato volto, si è aperta al mondo e si è fatta conoscere diventando soprattutto mèta per studenti stranieri che arrivano in città per frequentare i nostri atenei.

Torino ed i take away

Il dilagare anche nel Bel Paese del fenomeno sushi ha inserito nella sterminata lista di alimenti d’asporto anche il piatto tipico giapponese.

Quasi tutti i ristoranti che offrono sushi mettono a disposizione della clientela anche un servizio di consegna a domicilio con una tariffazione diversa a seconda della distanza del cliente dal ristorante.

In pochi minuti, traffico permettendo, in auto o in motorino il ristorante provvede a recapitare a domicilio la cena ordinata telefonicamente o via e-mail.

Correlato:  Del Cambio, riapre lo scrigno della bellezza

Non solo sushi e non solo cibi etnici ovviamente.

Accanto ai ristoranti che offrono cucina indiana, messicana, orientale c’è anche chi offre piatti biologici o vegetariani. Se poi a qualcuno non piacesse il cibo etnico non manca chi propone, anche a domicilio, la cucina per così dire “casereccia”. Timballi di riso, sformati di verdure, zuppe e torte salate possono arrivare così direttamente sulle nostre tavole.

Un costume che sta prendendo sempre più piede in Italia è quello dei cuochi a domicilio. Basta navigare in Internet per rendersi conto di quanti siano i siti e i blog che offrono questo servizio, pensato per chi vuole regalarsi o regalare ai propri ospiti una cena con i fiocchi ma non ha tempo di mettersi ai fornelli o non ha un facile rapporto con l’arte culinaria. +

E’ sufficiente scegliere la tipologia di menù, il numero dei commensali e selezionare uno tra aperitivo, pranzo/cena a buffet o pranzo/cena servito per ottenere un preventivo.

A voi basterà mettere a disposizione la vostra cucina e dedicarvi ad altro mentre i cuochi a domicilio penseranno a tutto, dal coperto agli ingredienti, dalle bevande al servizio per un risultato che promette di trasformare casa vostra in un esclusivo ristorante. Una presenza manca ancora in Italia, negozi e spacci aperti 24 ore su 24 sulla falsariga dei famosi drugstore americani. Superata una certa ora trovare un negozio aperto è praticamente impossibile e non sempre i distributori automatici sono adatti a soddisfare tutte le esigenze.

 

Andrea Rosso

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here