Home Cronaca di Torino The Italian job: Torino 40 anni fa

The Italian job: Torino 40 anni fa

116
SHARE
The Italian job: Torino 40 anni fa
The Italian job: Torino 40 anni fa

Se siete curiosi di sapere quanto sia cambiata Torino negli ultimi 40 anni non dovete far altro che mettervi comodi e avviate il film “Italian Job”.

Sì la pellicola del 1969 del regista Peter Collinson – che sottolineamo non  ha niente da fare con il recente del remake del 2003 girato a Venezia – è tutto ambientato per le strade della nostra città.

La trama è abbastanza sempliciotta, un gruppo di ladri inglesi giunge in città con l’intento di mettere a segno un rapina ad un camion portavalori che trasporta le paghe di migliaia dipendenti Fiat.

Un furto che riuscirà grazie alla manipolazione di un sofisticato computer da parte del gruppo di banditi, guidata da Michael Caine, in grado di modificare le indicazioni dei dei semafori della città

The Italian job: Torino 40 anni fa

La bellezza del film, che è stato inserito al 36° posto nella classica dei film britanici mai prodotti,  è seguire i molti inseguimenti tra forze dell’ordine ed i furfanti.

Questi ultimi, infatti, a bordo di tre Mini Cooper scorrazzano per  ni posti meno probabili della nostra città,  consentendo così allo  spettatore di tornare alla Torino della fine degli anni 60.

I portici di via Roma, la chiesa della Gran Madre, la stazione di Porta Nuova, la pista parabolica  del Lingotto ed  il tetto del Palazzo del Lavoro  sono solo alcuni dei luoghi  in cui è ambientato il film.

Posti che se non escludiamo per il diverso stile in cui sono vestiti gli attori, sono quasi del tutto identici ad allora: la città negli ultmi 40 anni, infatti,  non è cambiata granchè.

Correlato:  Italian Tatto Gallery: un successo l'evento di Torino (fotogallery)

The Italian job: Torino 40 anni fa

Sì nella pellicola s puo’ ammirare una piazza Castello ancora aperta al traffico, o la presenza di numerosi dehors sotto i portici di via Roma o i diversi locali siti ai Murazzi.

Piccole differenze che,  se consideriamo come il film sia stato girato nel 1969, ci danno il senso di quanto la nostra città difficilmente  muti.

 Il regista Peter Collinson scelse di girare qui il proprio film proprio qui, perché già alla fine delgli anni ’60 Torino, allora prima tra le metropoli europee,  disponeva veramente di un centro di controllo computerizzato del traffico.

Un meccanismo che consentiva di disporre la cosidettà onda verde tra i semafori.

 

La Redazione di Mole24

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here