Home Cronaca di Torino Sorgerà a Torino l’edificio più alto d’Italia

Sorgerà a Torino l’edificio più alto d’Italia

72
SHARE

Lo sky-line di Torino, unico nel suo genere, è sempre stato orgoglio e vanto per la città. Da un lato la collina sovrastata dalla basilica di Superga, dall’altro la suggestiva cornice delle Alpi.

Uno spettacolo mozzafiato, interrotto soltanto dalla guglia del monumento simbolo della nostra città, quella Mole Antonelliana che con i suoi167 metridi altezza si staglia inconfondibile nel cielo torinese. Nuovi edifici rischiano però di offuscare il ruolo di “prima donna” della Mole e di mutare per sempre il panorama di Torino.

Tutti si chiedono come potrebbe essere il nuovo sky-line di Torino e se i grattacieli miglioreranno o no il panorama.

Da sempre simbolo delle città terziarie e cosmopolite il grattacielo è un edificio comune nel panorama architettonico mondiale.

Non sembra così strano che anche sulla nostra città si stia profilando l’ ombra di due imponenti edifici, simbolo di due importanti attori della vita cittadina.

Come accadeva nel Medioevo quando le famiglie più importanti facevano a gara ad erigere la torre più alta anche oggi privato e pubblico hanno deciso di sfidarsi a colpi di piani ed altezze.

 Sorgerà a Torino l’edificio più alto d’Italia
Sorgerà a Torino l’edificio più alto d’Italia

Il portabandiera degli interessi privati, il grattacielo firmato dall’archistar Renzo Piano per Intesa San Paolo è già in costruzione.

Da poco sono state anche svelate le sorti del grattacielo della Regione Piemonte, “creatura” dell’architetto Massimiliano Fuksas. L’inizio dei lavori per il grattacielo che doveva ospitare giunta, consiglio e gli uffici dell’amministrazione della Regione è ad oggi previsto per il prossimo autunno.

Il progetto, commissionato nel lontano 2006, comprende la riqualificazione del quartiere Nizza Millefonti, un’area da 70mila metri quadrati che include la zona del Lingotto.

Correlato:  Weekend a Torino: idee per tutta la famiglia

E con i suoi 205 metri il grattacielo (ben lontani dai100 metri del progetto iniziale) si candida ad essere il grattacielo più alto d’Italia superando i 161 metri del Palazzo Lombardia di Milano, attualmente l’edificio più alto della penisola.

I grattacieli hanno letteralmente spaccato in due fronti l’opinione pubblica.

 Sorgerà a Torino l’edificio più alto d’Italia
Sorgerà a Torino l’edificio più alto d’Italia

Chi sostiene il grattacielo, convinto che possa riunire in una sola struttura molteplici funzioni rispettando l’ambiente – grazie ai nuovi “sistemi passivi” impiegati – e chi, innamorato dell’attuale sky-line, tenta di boicottarlo.

Questi ultimi si sono riuniti nel comitato “Non grattiamo il cielo di Torino” ponendo una serie di interrogativi. In particolare si chiedono se i torinesi abbiano bisogno di un nuovo simbolo in cui identificarsi, sostengono che i grattacieli non siano moderni ma retaggio di una mentalità urbanistica risalente al secolo scorso e che il grattacielo ecosostenibile esista soltanto nelle intenzioni buoniste degli architetti.

Il centro del dibattito non è soltanto il grattacielo ma anche il costo dell’edificio, calcolato in 320milioni di euro; soltanto il compenso di Fuksas si aggira attorno ai 22milioni di euro, parcella considerata troppo alta per una struttura pubblica.

Argomenti ai quali la Regione risponde difendendo a spada tratta la propria posizione di innovatore e sottolineando come il costo dell’edificio non graverà sulle finanze pubbliche visto che la spesa per la costruzione sarà compensata dal risparmio sui canoni d’affitto delle varie sedi ed uffici sparsi per la città.

Tesi contrapposte che hanno fatto slittare la data di apertura dei nuovi cantieri al 2013, data per molti ancora incerta.

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here