Home Cronaca di Torino La nostra settimana torinese ( settembre 2011)

La nostra settimana torinese ( settembre 2011)

0
SHARE

Magari tutte le settimane fossero come quest’ultima. Un pool di ricercatori italiani e statunitensi ha scoperto alle Molinette il gene che causala Sclerosilaterale amiotrofica, meglio conosciuta con il suo acronimo Sla e popolare perché colpisce soprattutto ex calciatori.

Un primo passo verso la possibile cura di una malattia che per quanto rara colpisce da uno a tre persone ogni centomila. Un risultato che diversi laboratori sparsi per il mondo inseguivano da oltre dieci anni, segno che sottola Mole il gusto per i primati non lo perdiamo proprio mai.

E mentre c’è chi studia per curare le malattie c’è anche chi le studia tutte per farsene venire una e tutto per vincere gare amatoriali di ciclismo o maratone.

La nostra settimana torinese ( settembre 2011)

I carabinieri dei Nas hanno eseguito 12 arresti in tutta Italia nell’ambito di un’inchiesta coordinata dal procuratore aggiunto di Torino Raffaele Guariniello. Tra gli indagati anche i componenti di una squadra dilettantistica di ciclismo di Pianezza. I reati contestati vanno dalla ricettazione al commercio di sostanza dopante e allo spaccio di sostanze stupefacenti. Nel registro degli indagati anche nomi più o meno conosciuti di ex campioni di nuoto o di ciclismo e calciatori di serie minori. Farmaci e sostanze dopanti venivano acquistate su un sito internet oppure procurate da infermieri che li sottraevano nei reparti del Mauriziano.

Sono tornati anche i ladri di biciclette ma non hanno l’aspetto romantico di quelli descritti nel 1948 da Vittorio De Sica.

Sei ragazzi, tutti maggiorenni e residenti nella provincia di Torino, sono stati arrestati dai carabinieri per una serie di furti in diversi negozi di biciclette e articoli per ciclisti. Il frutto delle spaccate – spesso venivano usati anche furgoni per sfondare le vetrine – servivano a pagarsi lo sballo del sabato sera e a fare la bella vita.

Correlato:  4 maggio, ore 17 e 03: guardare Superga...

Intanto sul fronte della politica e dell’occupazionela Regionesta cercando di trovare un accordo con i vertici dell’Ikea per un nuovo punto vendita.

Ikea Torino
Ikea Torino

Il colosso svedese dell’arredamento low cost ha dettato le sue condizioni. Un aut aut che ha convinto Palazzo Lascaris a correre ai ripari. Si è così fatta avanti l’ipotesi dell’ex area Viberti, a Nichelino, perfettamente rispondente alle condizioni poste da Ikea.

Si fa aspro il dibattito sull’iniziativa “Treno della memoria” che la Regione non vorrebbe più finanziare, almeno per quanto riguarda quello promosso da Terra del Fuoco.

Il Comune invece, oltre a dover trovare 15 milioni in una settimana, sta valutando l’ipotesi di pedonalizzare l’intera via Roma. C’è da scommetterci, ci sarà da discutere parecchio come accadde per via Lagrange.

Ora però sono tutti contenti.

 

La Redazione di Mole 24

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here